Laurea Magistrale in Informatica

Scheda del corso

Tipo di laurea Laurea Magistrale
Anno Accademico 2016/2017
Ordinamento D.M. 270
Codice 8028
Classe di corso LM-18 - INFORMATICA
Anni Attivi I e II anno
Modalità di erogazione della didattica Convenzionale
Tipo di accesso Corso a libero accesso con verifica dell'adeguatezza della personale preparazione
Curricula

Curriculum A: Tecniche del software

Curriculum B: Informatica per il management

Curriculum C: Sistemi e reti

Sede didattica Bologna
Tipologia di corso Titolo multiplo
Atenei Convenzionati UNIVERSITAT BIELEFELD
Coordinatore del corso Fabio Vitali
Docenti Elenco dei docenti
Lingua Italiano

Requisiti di accesso e verifica delle conoscenze/preparazione

Requisiti per l'accesso al corso
Per frequentare proficuamente il corso di Laurea Magistrale in Informatica è necessario avere acquisito :
• conoscenze a livello universitario di matematica (ssd MAT/01 – MAT/09),
• conoscenze a livello universitario di fisica (ssd FIS/01, FIS/02),
• conoscenze a livello universitario di informatica (ssd INF/01, ING-INF/05).
Per l'accesso al corso di laurea magistrale sono altresì richiesti i seguenti requisiti curricolari:
1. Avere conseguito la Laurea in una delle seguenti classi o possedere altro titolo di studio conseguito all'estero, riconosciuto idoneo:
• ex D.M. 270: L-31 Scienze e tecnologie informatiche
• ex. D.M. 509/99: classe 26 - Scienze e tecnologie informatiche
• Previgente ordinamento quadriennale: Corso di Laurea in Scienze dell'Informazione
2. Avere acquisito almeno 60 CFU in uno o più dei seguenti settori scientifico-disciplinari:
ING-INF/05, INF/01, MAT/01—MAT/09 (max 12 CFU), FIS/01 e FIS/02 (max 6 CFU).
In mancanza del possesso del titolo di laurea di cui al punto 1 o dei crediti indicati al punto 2, l'ammissione al Corso di laurea magistrale è consentita soltanto a coloro che dimostreranno di possedere le conoscenze e competenze richieste valutate da una apposita Commissione tramite l'analisi del curriculum e lo svolgimento di un colloquio secondo le modalità, i criteri e le procedure fissate dal Consiglio di corso di studio e rese note tramite pubblicazione sul portale di Ateneo.
L'ammissione al corso di laurea magistrale è in ogni caso subordinata, oltre che al possesso dei requisiti curricolari predeterminati, all'accertamento dell'adeguata preparazione personale che verrà effettuata attraverso l'analisi del curriculum al quale potrà seguire un colloquio secondo le modalità, i criteri e le procedure fissate dal Consiglio di corso di studio e rese note tramite pubblicazione sul portale di Ateneo.
Il corso di Laurea Magistrale potrà prevedere per gli studenti internazionali un'apposita sessione e la nomina di una commissione per la verifica dell'adeguatezza della personale preparazione, compatibilmente con le tempistiche previste dal bando per l'assegnazione delle borse di studio (la cui scadenza è prevista indicativamente nel mese di maggio).
Gli studenti internazionali, che abbiano ottenuto una valutazione positiva nella verifica di cui al punto precedente, sono esonerati dalla successiva prova di verifica dell'adeguatezza della personale preparazione prevista per la generalità degli studenti.
Per l'accesso al corso di studio è previsto l'accertamento delle conoscenze e competenze nella lingua inglese di livello B1, tramite il Centro linguistico di Ateneo. Possono essere esonerati gli studenti in possesso di corrispondente certificazione linguistica. Il Corso di studio può prevedere che lo studente debba colmare un deficit iniziale qualora nella prova dimostri di possedere una competenza inferiore al livello B1.

Obiettivi formativi specifici del corso e descrizione del percorso formativo

La Laurea Magistrale in Informatica ha come scopo la formazione di laureati che possiedono una elevata professionalità e conoscenze specialistiche dei metodi, delle tecniche e degli strumenti per lo sviluppo dei sistemi e delle applicazioni che si basano sulle Tecnologie dell'Informazione e della Comunicazione. Il laureato magistrale in Informatica dovrà acquisire una mentalità aperta e flessibile predisposta alla risoluzione di problemi ed al rapido apprendimento di metodologie e tecnologie innovative; potrà altresì accedere ad attività lavorative che richiedano la conoscenza del metodo scientifico.
Per dotare il laureato magistrale in Informatica delle caratteristiche suddette, la Laurea magistrale:
- comprende attività finalizzate ad acquisire conoscenze avanzate sia dell'algebra e del calcolo differenziale ed integrale che delle principali aree dell'informatica (tra cui, linguaggi di programmazione, algoritmi, sistemi operativi, sistemi distrib uiti);
- prevede una attività progettuale e di laboratorio mirata ad acquisire la conoscenza delle metodiche di programmazione in-the-large.

Il corso di Laurea Magistrale in Informatica è articolato in tre curricula, con l'obiettivo di specializzare ulteriormente le figure professionali formate nella Laurea (triennale) in Informatica. A tal fine, le aree di apprendimento includono, oltre ad una generale area di Informatica trasversale a tutti e tre i curricula, tre aree specifiche, una per ogni curriculum: (1) Progettazione e Analisi del Software, (2) Informatica per il Management, e (3) Sistemi e Reti.

Risultati di apprendimento attesi

CONOSCENZA E CAPACITÀ DI COMPRENSIONE:

AREA DI APPRENDIMENTO: INFORMATICA GENERALE (area comune a tutti e tre i curricula)
Il laureato magistrale:
- possiede conoscenze avanzate in settori dell'informatica quali la progettazione di algoritmi sequenziali e paralleli, la programmazione concorrente e distribuita, la sicurezza, la simulazione di sistemi, i sistemi per la gestione di basi di dati, le tecnologie web, l'intelligenza artificiale;
- conosce il funzionamento e le tecniche avanzate, innovative o sperimentali di ottimizzazione dei principali DBMS e i relativi linguaggi;
- possiede un buon background in aree scientifiche non strettamente informatiche come matematica e fisica;
- conosce in maniera approfondita e utilizza i principali sistemi operativi e gli applicativi open source;

Le conoscenze sopraelencate sono conseguite tramite la partecipazione alle lezioni frontali, alle esercitazioni e ai laboratori, lo studio personale guidato e quello individuale, previste dalle attività formative attivate in particolare nell'ambito dei settori disciplinari caratterizzanti INF/01 e ING- INF/05 e nella preparazione della prova finale.
La verifica del raggiungimento dei risultati di apprendimento avviene principalmente attraverso elaborati scritti ed/o colloqui.

AREA DI APPRENDIMENTO: TECNICHE DEL SOFTWARE (relativa al curriculum omonimo)
Il laureato magistrale:
- conosce i fondamenti teorici e i principali meccanismi dei sistemi di tipo usati nei linguaggi di programmazione;
- conosce le tecnologie formali per garantire proprietà di correttezza di programmi commerciali o presenti nei compilatori per ottimizzare i codici;
- conosce i paradigmi di base della concorrenza, i loro modelli ed i sistemi di verifica di proprietà di tali modelli;
- conosce le basi logico-formali dell'informatica, in particolare, il lambda calcolo e la sua teoria, corrispondenza tra programmi e dimostrazioni, il lambda calcolo tipato semplice, i sistemi T ed F.

Le conoscenze sopraelencate sono conseguite tramite la partecipazione alle lezioni frontali, alle esercitazioni e ai laboratori, lo studio personale guidato e quello individuale, previste dalle attività formative attivate in particolare nell'ambito dei settori disciplinari caratterizzanti INF/01 e ING- INF/05 e nella preparazione della prova finale.
La verifica del raggiungimento dei risultati di apprendimento avviene principalmente attraverso elaborati scritti ed/o colloqui.

AREA DI APPRENDIMENTO: INFORMATICA PER IL MANAGEMENT (relativa al curriculum omonimo)
Il laureato magistrale:
- conosce le moderne tecnologie per la produzione di software complesso, i principali stili architetturali per la progettazione e lo sviluppo di sistemi software e le architetture informatiche orientate ai servizi
- conosce gli strumenti concettuali e tecnici per ideare, progettare e realizzare applicazioni multimediali software da utilizzarsi in contesti connotati ad alta interattività;
- conosce i concetti e gli strumenti propri dello studio dei sistemi dinamici complessi per l'analisi della strategia competitiva e aziendale;
- conosce i concetti e i risultati che caratterizzano la teoria dei giochi.

Le conoscenze sopra elencate sono conseguite tramite la partecipazione alle lezioni frontali, alle esercitazioni e ai laboratori, lo studio personale guidato e quello individuale, previste dalle attività formative attivate in particolare nell'ambito dei settori disciplinari caratterizzanti INF/01 e ING- INF/05 e nella preparazione della prova finale.
La verifica del raggiungimento dei risultati di apprendimento avviene principalmente attraverso elaborati scritti ed/o colloqui.

AREA DI APPRENDIMENTO: SISTEMI E RETI (relativa al curriculum omonimo)
Il laureato magistrale:
- conosce i modelli architetturali, le principali problematiche, e gli aspetti peculiari dei sistemi distribuiti;
- conosce le problematiche di comunicazione basate su tecnologia wireless, e le soluzioni relative agli standard e alle architetture sia protocollari che fisiche dei sistemi e reti wireless;
- conosce nuove modalità e paradigmi di implementazione dei servizi basati su tecnologia wireless, e alla base dell'integrazione e della convergenza delle tecnologie wired e wireless e dei servizi per Wireless Internet;
- conosce concetti e tecniche delle applicazioni e dei sistemi di rete operanti su dispositivi mobili, tenendo conto delle peculiari caratteristiche di comunicazione e delle limitazioni in termini di energia imposte dai dispositivi;
- conosce i fondamenti della grafica 3D al calcolatore, tra cui i concetti di modellazione poligonale e resa in tempo reale.

Le conoscenze sopraelencate sono conseguite tramite la partecipazione alle lezioni frontali, alle esercitazioni e ai laboratori, lo studio personale guidato e quello individuale, previste dalle attività formative attivate in particolare nell'ambito dei settori disciplinari caratterizzanti INF/01 e ING- INF/05 e nella preparazione della prova finale.
La verifica del raggiungimento dei risultati di apprendimento avviene principalmente attraverso elaborati scritti ed/o colloqui.


CAPACITÀ DI APPLICARE CONOSCENZA E COMPRENSIONE:

AREA DI APPRENDIMENTO: INFORMATICA GENERALE (area comune a tutti e tre i curricula)
Il laureato magistrale:
- è in grado di progettare e programmare un sistema software complesso definendone i tempi di sviluppo e utilizzando linguaggi di programmazione ad oggetti;
- è in grado di applicare metodi, tecniche e strumenti all'avanguardia per rendere un sistema software sicuro;
- è in grado di progettare, gestire e mantenere sistemi informatici, in particolare le reti;
- è in grado di organizzare il lavoro del personale, in particolare di relazionarsi in maniera adeguata con esso, per produrre sistemi informatici.

Il raggiungimento delle capacità sopraelencate avviene nell'ambito delle attività caratterizzanti tramite la riflessione critica sui testi proposti per lo studio individuale sollecitata dalle attività in aula, lo studio di casi di ricerca e di applicazione discussi dai docenti, lo svolgimento di esercitazioni e di laboratori, lo svolgimento di progetti individuali e/o di gruppo e la preparazione della prova finale.
Le verifiche del sufficiente raggiungimento di tali capacità (tramite esami scritti e/o orali, relazioni, esercitazioni) prevedono lo svolgimento di specifici compiti in cui lo studente dimostra la padronanza di strumenti, metodologie e autonomia critica.

AREA DI APPRENDIMENTO: TECNICHE DEL SOFTWARE (relativa al curriculum omonimo)
Il laureato magistrale:
- è in grado di analizzare programmi concorrenti con strumenti automatici o semi-automatici;
- è in grado di descrivere funzioni numeriche in lambda calcolo e di derivarne i tipi.
- è in grado di dimostrare la correttezza di semplici programmi.

Il raggiungimento delle capacità sopraelencate avviene nell'ambito delle attività caratterizzanti tramite la riflessione critica sui testi proposti per lo studio individuale sollecitata dalle attività in aula, lo studio di casi di ricerca e di applicazione discussi dai docenti, lo svolgimento di esercitazioni e di laboratori, lo svolgimento di progetti individuali e/o di gruppo e la preparazione della prova finale.
Le verifiche del sufficiente raggiungimento di tali capacità (tramite esami scritti e/o orali, relazioni, esercitazioni) prevedono lo svolgimento di specifici compiti in cui lo studente dimostra la padronanza di strumenti, metodologie e autonomia critica.

AREA DI APPRENDIMENTO: INFORMATICA PER IL MANAGEMENT (relativa al curriculum omonimo)
Il laureato magistrale:
- è in grado di progettare e programmare un sistema software complesso orientato ai servizi;
- è in grado di realizzare applicazioni multimediali software (basate su graphics, vision, music/video, animation, network) da utilizzarsi in contesti interattivi, quali ad esempio: entertainment/gaming, culture/educational, esibibizioni/ musei, design/production, performance/living art;
- è in grado di affrontare le difficoltà connesse all'interpretazione dei comportamenti di sistemi sociali dinamici e complessi;
- è in grado di applicare la teoria dei giochi strategici e cooperativi, che hanno rilevanti applicazioni in ambito informatico.

Il raggiungimento delle capacità sopraelencate avviene nell'ambito delle attività caratterizzanti tramite la riflessione critica sui testi proposti per lo studio individuale sollecitata dalle attività in aula, lo studio di casi di ricerca e di applicazione discussi dai docenti, lo svolgimento di esercitazioni e di laboratori, lo svolgimento di progetti individuali e/o di gruppo e la preparazione della prova finale.
Le verifiche del sufficiente raggiungimento di tali capacita` (tramite esami scritti e/o orali, relazioni, esercitazioni) prevedono lo svolgimento di specifici compiti in cui lo studente dimostra la padronanza di strumenti, metodologie e autonomia critica.

AREA DI APPRENDIMENTO: SISTEMI E RETI (relativa al curriculum omonimo)
Il laureato magistrale:
- è in grado di progettare ed implementare sistemi distribuiti prototipali;
- è in grado di progettare, gestire e mantenere reti wireless o caratterizzate da dispositivi eterogenei wired e wireless;
- è in grado di progettare, sviluppare e valutare applicazioni e sistemi di rete operanti su dispositivi mobili, dotati di interfacce multiple;
- è in grado di modellare e rappresentare graficamente scene 3D mediante opportune librerie.

Il raggiungimento delle capacità sopraelencate avviene nell'ambito delle attività caratterizzanti tramite la riflessione critica sui testi proposti per lo studio individuale sollecitata dalle attività in aula, lo studio di casi di ricerca e di applicazione discussi dai docenti, lo svolgimento di esercitazioni e di laboratori, lo svolgimento di progetti individuali e/o di gruppo e la preparazione della prova finale.
Le verifiche del sufficiente raggiungimento di tali capacita` (tramite esami scritti e/o orali, relazioni, esercitazioni) prevedono lo svolgimento di specifici compiti in cui lo studente dimostra la padronanza di strumenti, metodologie e autonomia critica.


AUTONOMIA DI GIUDIZIO (MAKING JUDGEMENTS)

Il laureato magistrale:
- è capace di giudicare le tecnologie informatiche innovative;
- ha elevata capacità di analisi e di interpretazione delle esigenze del cliente;
- è capace di progettare e programmare un software complesso definendone tempi e modalità di rilascio e valutandone il risultato;
- è capace di dare giudizi che includano riflessioni su importanti questioni scientifiche ed etiche;
- è capace di adattarsi a tematiche diverse e di documentarsi in maniera appropriata.

Le attività di esercitazione e di laboratorio, nonché gli elaborati personali e i progetti di gruppo, e la prova finale offrono allo studente le occasioni per sviluppare in modo autonomo le proprie capacità decisionali e di giudizio. Esse offrono anche la capacità di reperire e vagliare fonti di informazione, dati, letteratura.
La verifica dell'acquisizione dell'autonomia di giudizio avviene tramite la valutazione degli insegnamenti, in particolare di quelli che prevedono un'attività progettuale nell'ambito delle discipline informatiche.


ABILITÀ COMUNICATIVE (COMMUNICATION SKILLS)

Il laureato magistrale:
- è capace di trasmettere e divulgare ad alto livello informazioni, idee, problemi e soluzioni su tematiche scientifiche, oltre che in lingua italiana, anche in inglese;
- ha propensione al lavoro di gruppo in generale, nonché buone capacità di gestire e coordinare progetti e gruppi di lavoro multidisciplinari;
- è capace di lavorare in ampia autonomia e di adattarsi a nuove situazioni;
- è capace di pianificare e di gestire il tempo di lavoro.

Le abilità comunicative scritte ed orali sono sviluppate in occasione delle attività formative caratterizzanti che prevedono la preparazione di relazioni e documenti scritti, la partecipazione a gruppi di lavoro nella realizzazione di progetti, l'esposizione orale dei medesimi e le relative prove di verifica.
Inoltre il laureato magistrale consegue un livello di lingua inglese B2. Potranno essere previste sia l'acquisizione delle quattro abilità linguistiche (lettura, scrittura, ascolto, e dialogo) sia la frequenza vincolata delle lezioni, secondo criteri che verranno specificati in itinere dal corso di studi, in coerenza alle prescrizioni degli Organi accademici.
L'acquisizione delle abilità comunicative è prevista inoltre tramite la redazione della prova finale e la discussione della medesima.
Per il raggiungimento di tali obiettivi sono previste ampie modalità di verifica, inclusi colloqui, discussione dei progetti, anche mediante l'ausilio di strumenti multimediali e presentazioni al computer.


CAPACITÀ DI APPRENDIMENTO (LEARNING SKILLS)

Il laureato magistrale:
- sviluppa quelle abilità di apprendimento che sono necessarie per intraprendere studi futuri con un sufficiente grado di autonomia;
- acquisisce un metodo di studio e la propensione all'aggiornamento costante sugli strumenti informatici disponibili;
- acquisisce la capacità di continuare autonomamente la propria formazione professionale.

Le capacità di apprendimento sono conseguite nel percorso di studio nel suo complesso, con riguardo in particolare allo studio individuale previsto, alla preparazione di progetti individuali e all'attività svolta per la preparazione della prova finale.
La capacità di apprendimento viene accertata attraverso forme di verifica continua durante le attività formative, valutando altresì la capacità di rispettare le scadenza, richiedendo la presentazione di dati reperiti autonomamente, mediante l'attività di tutorato nello svolgimento di progetti e mediante la valutazione della capacità di autoapprendimento maturata durante lo svolgimento dell'attività relativa alla prova finale.

Attività tirocinio

Gli studenti possono svolgere il loro lavoro per la tesi di laurea presso aziende che abbiano stipulato una convenzione con l'Università di Bologna. Inoltre è possibile svolgere un tirocinio post-laurea.

Maggiori informazioni: scienze.tirocini@unibo.it

Mobilità internazionale

Per periodi di formazione all'estero e mobilità internazionale degli studenti il Corso di Studio si avvale della collaborazione dell'Unità di Servizio Didattico (USD) dell'Area Scientifica e dei referenti di vari progetti Erasmus della Scuola stessa.
Servizio mobilità studentesca internazionale

Prova finale

Modalità di svolgimento della prova finale
La prova finale consiste nella verifica della capacità del laureando di lavorare in modo autonomo e di esporre e di discutere con chiarezza e piena padronanza i risultati di un progetto originale di ricerca, di natura sperimentale o teorica, su un tema specifico.

Accesso a ulteriori studi

Dà accesso agli studi di terzo ciclo (Dottorato di ricerca e Scuola di Specializzazione) e master universitario di secondo livello.

 

 

Sbocchi occupazionali

PROFILO PROFESSIONALE:
Analista e Progettista di Software

FUNZIONE IN UN CONTESTO DI LAVORO:
L’Analista e Progettista di Software è una figura professionale informatica altamente specializzata che si occupa di progettazione, sviluppo, e mantenimento di programmi software applicativi particolarmente complessi e innovativi.

La figura professionale:
- utilizza i principali ambienti di programmazione, le regole della programmazione strutturata e ad oggetti e le tecniche di analisi e verifica per la progettazione, lo sviluppo e l’analisi di applicazioni complesse;
- progetta, sviluppa e utilizza nuove applicazioni che operano su architetture complesse che prevedono l'utilizzo di web server e application server;
- progetta, sviluppa e analizza nuove applicazioni basate sulle tecnologie e i linguaggi legati al mondo web;
- progetta, analizza e collauda nuove applicazioni informatiche, gestendone la manutenzione e producendone la relativa documentazione;
- svolge, documenta, controlla, analizza e certifica il processo di produzione del software.

La figura professionale si inserisce nel contesto di lavoro in qualità di:
- specialista nella ricerca informatica di base: specialista in scienze dell'informazione, ricercatore di intelligenza artificiale, docente formatore di materie in ambito informatico;
- analista e progettista di software applicativi: analista di procedure, analista di programmi, analista programmatore, ingegnere del software, responsabile di progetti informatici.

COMPETENZE ASSOCIATE ALLA FUNZIONE:
Per lo svolgimento delle funzioni sopra descritte sono richieste:
- specifiche conoscenze, capacità e abilità di tipo specialistico in ambito informatico, come: conoscenza e utilizzo di tecniche di linguaggi di programmazione concorrente e di intelligenza artificiale, di progettazione di algoritmi concorrenti e distribuiti e di basi di dati evolute; conoscenza delle tecniche di progettazione, analisi e verifica del software e delle tecniche di gestione della concorrenza nelle reti di comunicazione;
- capacità di auto-apprendimento e di aggiornamento continuo;
- adeguate competenze trasversali di tipo comunicativo-relazionale, organizzativo- gestionale e di programmazione, in accordo con il livello di autonomia e responsabilità assegnato, con le modalità organizzative e di lavoro adottate e con i principali interlocutori (colleghi, altri professionisti e clienti pubblici e/o privati).

Può essere necessaria una maggiore specializzazione e capacità di approfondimento in uno o più settori di professionalizzazione.

SBOCCHI OCCUPAZIONALI:
L’Analista e Progettista di Software trova collocazione presso:
- aziende ed enti pubblici per mansioni ad alto contenuto tecnologico legate soprattutto al trattamento e alla trasmissione dei dati (Information and Communication Technologies)
- studi di comunicazione
- operatori di Internet (provider, motori di ricerca, ecc.)
- centri e dipartimenti di Ricerca & Sviluppo in grandi aziende privati o in enti pubblici.


PROFILO PROFESSIONALE:
Progettista e Amministratore di Sistema

FUNZIONE IN UN CONTESTO DI LAVORO:
Il Progettista e Amministratore di Sistema è una figura professionale informatica altamente specializzata che si occupa di progettazione, sviluppo, e mantenimento di programmi software di sistemi e reti di comunicazione particolarmente complessi.

La figura professionale:
- progetta, sviluppa e mantiene software di sistema per architetture complesse che prevedono l'utilizzo di web server e application server;
- utilizza e configura strumenti che richiedono competenze avanzate per l'elaborazione di immagini e il riconoscimento di oggetti;
- installa, configura e gestisce sistemi di archiviazione dei dati, utilizzando metodologie avanzate, innovative o sperimentali;
- amministra ed opera su diversi sistemi operativi e configura gli apparati e i protocolli di rete;
- analizza e progetta sistemi informativi e database;
- pianifica e progetta sistemi informatici, conducendo la reingegnerizzazione di processo.

La figura professionale si inserisce nel contesto di lavoro in qualità di:
- specialista nella ricerca informatica di base: cibernetico, progettista di sistemi vocali, progettista di sistemi di elaborazioni di voci ed immagini, docente formatore di materie in ambito informatico;
- analista e progettista di software di sistema: responsabile della qualità dei sistemi informatici; dirigente responsabile di sistemi informativi; project manager di architetture
software, hardware o di networking, esperto di applicazioni grafiche e di calcolo scientifico;
- specialista in sicurezza informatica: responsabile della sicurezza informatica;
- specialista in reti e comunicazioni informatiche: amministratore dirigente di reti informatiche, responsabile di infrastrutture tecnologiche per il commercio elettronico,
coordinatore responsabile di siti Web, progettista di sistema in ambiente Internet o rete locale.

COMPETENZE ASSOCIATE ALLA FUNZIONE:
Per lo svolgimento delle funzioni sopra descritte sono richieste:
- specifiche conoscenze, capacità e abilità di tipo specialistico in ambito informatico, come: conoscenza di architetture complesse di elaborazione, tecniche di simulazione e di analisi delle prestazioni dei sistemi distribuiti di calcolo, e di sistemi informatici concorrenti e distribuiti; capacità di realizzare applicazioni complesse e sicure Web e Mobile; conoscenza della struttura dei sistemi di comunicazione e delle reti mobili e wireless.
- capacità di auto-apprendimento e di aggiornamento continuo;
- adeguate competenze trasversali di tipo comunicativo-relazionale, organizzativo- gestionale e di programmazione, in accordo con il livello di autonomia e responsabilità assegnato, con le modalità organizzative e di lavoro adottate e con i principali interlocutori (colleghi, altri professionisti e clienti pubblici e/o privati).

Può essere necessaria una maggiore specializzazione e capacità di approfondimento in uno o più settori di professionalizzazione.

SBOCCHI OCCUPAZIONALI:
Il progettista e Amministratore di Sistema trova collocazione presso:
- aziende ed enti pubblici per mansioni ad alto contenuto tecnologico legate soprattutto al trattamento e alla trasmissione dei dati (Information and Communication Technologies)
- studi di comunicazione
- operatori di Internet (provider, motori di ricerca, ecc.)
- centri e dipartimenti di ricerca e sviluppo in grandi aziende private o in enti pubblici.


PROFILO PROFESSIONALE:
Specialista nell'area dell'Information Technology e della strategia aziendale nei settori dell'ICT

FUNZIONE IN UN CONTESTO DI LAVORO:
Lo specialista nell'area dell'Information Technology e della strategia aziendale nei settori dell'ICT è una figura professionale informatica specializzata in grado di supportare la gestione strategica aziendale in riferimento alla ICT.

La figura professionale:
- analizza ed interpreta la dinamica dei settori aziendali di riferimento e le problematiche economiche, strategiche ed organizzative e progetta e costruisce ambienti virtuali per la simulazione di strategie alternative in scenari socio-economici differenti;
- progetta e guida l'introduzione di tecnologie informatiche nell'organizzazione di una azienda;
- analizza ed interpreta la dinamica dei settori ad alta tecnologia, individua nuovi prodotti e nuovi processi leggendone le problematiche economiche, strategiche ed
organizzative;
- progetta piani di integrazione di tecnologie esistenti all'interno dell'organizzazione.

La figura professionale si inserisce nel contesto di lavoro in qualità di:
- consulente specialista di organizzazione e amministrazione di imprese operanti nei settori delle telecomunicazioni e dell'informatica;
- Chief Innovation Officer (CIO);
- specialista di e-government;
- specialista MIS (Management Information System);
- progettista specialista di sistemi di supporto a imprese della "Net Economy";
- amministratore dirigente di attività di i-CRM (Customer Relationship Management);
- specialista di infrastrutture tecnologiche per il commercio elettronico.

COMPETENZE ASSOCIATE ALLA FUNZIONE:
Per lo svolgimento delle funzioni sopra descritte sono richieste:
- conoscenze nel campo della strategia e dell'organizzazione aziendale, come i modelli per l’analisi organizzativa e per la gestione aziendale strategica con particolare riferimento al settore ICT;
- specifiche conoscenze, capacità e abilità di tipo specialistico in ambito informatico, come: conoscenza e utilizzo di tecniche di intelligenza artificiale e di reti di comunicazione; conoscenza di sistemi informatici e di sistemi di comunicazione mobili e wireless.
- capacità di auto-apprendimento e di aggiornamento continuo;
- adeguate competenze trasversali di tipo comunicativo-relazionale, organizzativo- gestionale e di programmazione, in accordo con il livello di autonomia e responsabilità assegnato, con le modalità organizzative e di lavoro adottate e con i principali interlocutori (colleghi, altri professionisti e clienti pubblici e/o privati).

Può essere necessaria una maggiore specializzazione e capacità di approfondimento in uno o più settori di professionalizzazione.

SBOCCHI OCCUPAZIONALI:
Lo Specialista nell'area dell'Information Technology e della strategia aziendale nei settori dell'ICT trova collocazione presso:
- Aziende di produzione, aziende di servizi, banche e aziende della pubblica amministrazione
- Società di consulenza
- Organizzazioni ad alta complessità organizzativa e tecnologica
- Studi di comunicazione
- Operatori di Internet (provider, motori di ricerca, ecc.) e operatori di telefonia mobile e fissa
- Centri e dipartimenti di ricerca e sviluppo in grandi aziende privati o in enti pubblici.


Parere delle parti sociali


ORGANO O SOGGETTO ACCADEMICO CHE EFFETTUA LA CONSULTAZIONE
- Per l'incontro del 24/10/2007, il coordinatore del Corso di Studio in Informatica magistrale e il responsabile dell'orientamento del Corso di Studio.
- Per l'incontro del 9/02/2011, il Presidente del Corso di Studio di Informatica magistrale
- Per l'incontro del 24/10/2013, il Coordinatore del Corso di Studio in Informatica magistrale, il vicedirettore del Dipartimento di Informatica - Scienza e Ingegneria e il coordinatore del CdS in Informatica per il Management, coadiuvati dal responsabile per l'orientamento del Corso di Studio.
- Per l'incontro del 14/11/2013, il Coordinatore del Corso di Studio in Informatica magistrale, in collaborazione il direttore del Dipartimento di Informatica - Scienza e Ingegneria e con i coordinatori dei CdS in Informatica per il Management, Ingegneria Informatica magistrale.


ORGANIZZAZIONI CONSULTATE O DIRETTAMENTE O TRAMITE DOCUMENTI E STUDI DI SETTORE
- Per incontro del 24/10/2007: Mallinckrodt S.r.l.; YACME srl; Engineering Sanità Enti Locali spa; ENEA; Bookmark S.r.l.; ELOGIC S.r.l.; Datalogic S.p.a.; Struttura Informatica S.r.l.; Pro Gamma S.r.l.; Magneti Marelli
Powertrain S.p.a. Lucana Sistemi S.r.l.
- Per incontro del 9/02/2011: Sms Italia, Crif, Nethical.
- Per l'incontro del 24/10/2013: membro del consiglio Unimpresa, Segretario associazione ReteICT, Proprietario eSoft S.r.l., CEO NSI Nier Soluzioni Informatiche S.r.l., CEO Dedanext, Media Marketing Manager Sysdata.
- Per l'incontro del 14/11/2013: rappresentante di ReteICT e CEO di NSI Nier Soluzioni Informatiche S.r.l., Proprietario eSoft S.r.l., Media Marketing Manager Sysdata.


MODALITA' E CADENZA DI STUDI E CONSULTAZIONI
Il 24/10/2007 il Corso di Studio ha preso in esame la sintesi dei risultati emersi dalla consultazione delle parti interessate mediante questionari ad aziende. E' stato chiesto alle parti consultate un parere sulla denominazione del corso di studio, gli sbocchi occupazionali, i fabbisogni e gli obiettivi formativi previsti in un primo schema di progettazione. È stato anche illustrato il quadro generale delle attività formative con riferimento ai settori scientifico disciplinari nel loro complesso e in particolare a quelli che maggiormente caratterizzano il Corso, oltre alle caratteristiche della prova finale per il conseguimento del titolo di studio. Sono state consultate 35 aziende ed hanno dato parere 12.
Le aziende concordano che i laureati del Corso di Studio in oggetto:
- hanno una buona conoscenza delle aree centrali dell'informatica,
- hanno un discreto background in matematica e fisica,
- hanno un'ottima conoscenza dei sistemi operativi e degli applicativi open-source,
- hanno una buona capacita` di lavorare in team,
- hanno discrete conoscenze in tutti i settori dell'informatica e buone conoscenze avanzate in alcuni di essi, quali sicurezza, sistemi informativi, computer graphics e tecnologie web,
- hanno una discreta conoscenza del funzionamento delle tecniche avanzate, innovative o sperimentali di ottimizzazione dei principali DBMS e dei relativi linguaggi.
Tenendo conto delle indicazioni ricevute, il CCdS concorda che il progetto di corso, alla base delle determinazioni dell'Ordinamento, è coerente con le esigenze del sistema socio-economico ed è adeguatamente strutturato.

In sede di modifica di Ordinamento Didattico, il 9/02/2011, è stato proposto nuovamente alle parti sociali un confronto sulle variazioni presentate in adeguamento al DM 17/2010. Le parti sottolineano l'importanza di prevedere nel percorso di studio un'eventuale attività di tirocinio. La Commissione didattica di CdS concorda che il progetto di corso proposto come base della modifica di Ordinamento didattico è coerente con le esigenze del sistema socio-economico e adeguatamente strutturato al proprio interno.

Dopo la consultazione del 9/02/2011, a seguito della modifica sostanziale del regolamento di Corso di Studio con l'introduzione di tre curricula, si è riproposta in due riunioni (24/10/2013 e 14/11/2013) la consultazione con le parti sociali in merito alla definizione delle figure professionali formate dal Corso di Studio (e relative funzioni, competenze e sbocchi occupazionali) e dei risultati di apprendimento attesi del Corso di Studio. È stata fatta una breve illustrazione del quadro generale delle attività formative con riferimento ai settori scientifico disciplinari nel loro complesso e in particolare a quelli che maggiormente caratterizzano i tre curricula del Corso, oltre alle caratteristiche del tirocinio curricolare e della prova finale per il conseguimento del titolo di studio. Si sono presi in esame gli sbocchi occupazionali, i fabbisogni formativi e gli obiettivi formativi previsti nel piano didattico attuale.
In conclusione dell'incontro i partecipanti concordano che il progetto di corso è coerente con le esigenze del sistema socio-economico ed adeguatamente strutturato al proprio interno. E' stato richiesto ai partecipanti di riempire un questionario per tenere traccia di specifici pareri sulle suddette tematiche. I questionari saranno inclusi nella documentazione di questa consultazione delle parti sociali.


DOCUMENTAZIONE
Incontro del 24/10/2007:
- Questionario con esigenze di formazione e obiettivi formativi rivolti ad aziende/enti. Questionario inviato dalla Presidenza di Scienze MM.FF.NN., conservato presso la Presidenza di Scienze MM.FF.NN.;
- Questionario per le aziende/enti che hanno ospitato un tirocinante. Questionario inviato dal manager didattico a fine tirocinio, conservato presso l'Ufficio dei Manager Didattici.
Incontro del 9/02/2011:
- email alle aziende, a cui è seguita una telefonata, conservata presso l'Ufficio Segreteria Didattica del Corso di Studio;
Incontro del 24/10/2013:
- presentazione del responsabile orientamento, conservata presso l'Ufficio Servizi Didattici del Dipartimento di Informatica – Scienza e Ingegneria;
- presentazioni delle aziende, conservata presso l'Ufficio Servizi Didattici del Dipartimento di Informatica – Scienza e Ingegneria;
Incontro del 14/11/2013:
- presentazione del progetto formativo del Corso di Studio, conservato presso l'Ufficio Servizi Didattici del Dipartimento di Informatica – Scienza e Ingegneria;
- Schema di questionario con profili professionali, risultati di apprendimento attesi e giudizio su autonomia di giudizio, abilità comunicative e capacità di apprendimento dei laureati rivolti ad aziende/enti, conservato presso l’Ufficio Servizi Didattici.
E' stato richiesto ai partecipanti di aziende/enti di riempire un questionario per tenere traccia di specifici pareri sulle suddette tematiche.

Contatti e recapiti utili

Ufficio Didattico

Mura Anteo Zamboni 7 - 40126 Bologna

Tutor del Corso di Studio:

Mattia Maldini

disi-tutor.cdlinformatica@unibo.it