Laurea Magistrale in Matematica

Scheda del corso

Tipo di laurea Laurea Magistrale
Anno Accademico 2016/2017
Ordinamento D.M. 270
Codice 8208
Classe di corso LM-40 - MATEMATICA
Anni Attivi I e II anno
Modalità di erogazione della didattica Convenzionale
Tipo di accesso Corso a libero accesso con verifica dell'adeguatezza della personale preparazione
Curricula

Il piano di studi prevede due curricula:

- Curriculum Didattico

- Curriculum Generale e Applicativo

Sede didattica Bologna
Coordinatore del corso Marilena Barnabei
Docenti Elenco dei docenti
Lingua Italiano

Requisiti di accesso e verifica delle conoscenze/preparazione

Requisiti per l'accesso al corso
Per frequentare proficuamente il corso di Laurea Magistrale in Matematica è necessario avere acquisito:
- Conoscenze a livello universitario di Matematica
- Conoscenze a livello universitario di Fisica
Per l'accesso al corso di laurea magistrale e' richiesto almeno uno dei seguenti requisiti curriculari:
1. Avere conseguito la Laurea in una delle seguenti classi o possedere altro titolo di studio conseguito all'estero, riconosciuto idoneo:
ex D.M. 270:
- Classe L-35-Matematica
- Tutte le Lauree della Classe L-30
ex D.M. 509/99:
- Classe 32 – Matematica
- Laurea triennale della Classe XXV - Scienze e Tecnologie Fisiche.
Previgente ordinamento quadriennale: Laurea in Matematica, Laurea in Fisica, Laurea in Astronomia.
2. Avere acquisito almeno 12 CFU in uno o più dei seguenti settori scientifico-disciplinari:
FIS/01-FIS/08, INF/01, ING-INF/05, almeno 6 dei quali nei settori FIS/01-FIS/08
e avere acquisito almeno 36 CFU in uno o più dei seguenti settori scientifico-disciplinari:
MAT/02 – Algebra
MAT/03 – Geometria
MAT/05 – Analisi Matematica
MAT/06 – Probabilità
MAT/07 - Fisica Matematica
MAT/08 – Analisi Numerica
MAT/09 – Ricerca Operativa
In mancanza del possesso del titolo di laurea e/o dei crediti sopra indicati, l'ammissione al Corso di laurea magistrale è consentita soltanto a coloro che dimostreranno di possedere le conoscenze e competenze richieste valutate da una apposita Commissione tramite lo svolgimento di un colloquio secondo le modalità, i criteri e le procedure fissate dal Consiglio di corso di studio e rese note tramite pubblicazione sul portale di Ateneo.
L'ammissione al corso di laurea magistrale è in ogni caso subordinata, oltre che al possesso dei requisiti curriculari predeterminati, all'accertamento dell'adeguata preparazione personale che potrà avvenire attraverso l'analisi del curriculum al quale potrà seguire un colloquio secondo le modalità, i criteri e le procedure fissate dal Consiglio di corso di studio e rese note tramite pubblicazione sul Portale di Ateneo.
Il corso di Laurea Magistrale potrà prevedere per gli studenti internazionali un'apposita sessione e la nomina di una commissione per la verifica dell'adeguatezza della personale preparazione, compatibilmente con le tempistiche previste dal bando per l'assegnazione delle borse di studio (la cui scadenza è prevista indicativamente nel mese di maggio).
Gli studenti internazionali, che abbiano ottenuto una valutazione positiva nella verifica di cui al punto precedente, sono esonerati dalla successiva prova di verifica dell'adeguatezza della personale preparazione prevista per la generalità degli studenti

Obiettivi formativi specifici del corso e descrizione del percorso formativo

La Laurea Magistrale in Matematica prevede la formazione di laureati con una preparazione qualificata e specifica nel campo della Matematica che permetta l'inserimento nel mondo del lavoro, il perfezionamento della preparazione scientifica e professionale con ulteriori attività di studio di livello più avanzato (Dottorato di ricerca, Master di II livello, Scuole di alta formazione), l'insegnamento della Matematica nelle scuole secondarie inferiori e superiori (dopo che i laureati hanno completato il processo di abilitazione all'insegnamento e superato i concorsi previsti dalla normativa vigente). Il Laureato Magistrale in Matematica acquisirà competenze in svariati campi scientifici d'avanguardia. In particolare, attraverso un'offerta didattica che si articolerà in più percorsi formativi, avrà la possibilità di privilegiare una specifica preparazione nella Matematica di base o applicata. Un obiettivo formativo particolare sarà l'addestramento e la preparazione dello studente alla prosecuzione del percorso formativo in un Dottorato di Ricerca in Matematica o in disciplina affine che gli permetta l'inserimento nel mondo della ricerca nell'Università, negli Enti di Ricerca e nell'industria. La preparazione prevista di approfondimento culturale e metodologico di varie discipline matematiche con contenuti sia applicativi che teorici, gli deve comunque consentire ottime possibilità di inserimento anche in attività lavorative nel mondo dell'industria e del terziario. Il laureato Magistrale sarà preparato a studiare ed analizzare fenomeni e risolvere problemi anche complessi con metodologia scientifica. Sarà inoltre in grado di operare in tutti gli ambiti, anche non strettamente scientifici, in cui siano richieste capacità progettuali e manageriali.

Risultati di apprendimento attesi

CONOSCENZA E CAPACITÀ DI COMPRENSIONE:

AREA DI APPRENDIMENTO: AMBITO TEORICO
Il laureato magistrale:
- aumenta e rafforza le sue conoscenze algebriche e geometriche su argomenti fondamentali ed avanzati;
- aumenta e rafforza le sue conoscenze dell’analisi matematica su argomenti fondamentali ed avanzati.


AREA DI APPRENDIMENTO: AMBITO MODELLISTICO-APPLICATIVO
Il laureato magistrale:
- ha un’approfondita conoscenza degli aspetti numerici della matematica specificatamente volti alle applicazioni;
- conosce metodi numerici per la risoluzione di problemi retti da equazioni differenziali;
- possiede le basi matematiche della teoria della probabilità a livello avanzato e alcuni metodi della statistica matematica;
- ha un’approfondita conoscenza dei formalismi matematici alla base delle principali teorie fisiche;
- possiede approfondite nozioni di teoria dell’informazione e di meccanica e dei loro principali aspetti applicativi.


AREA DI APPRENDIMENTO N.3: AMBITO DIDATTICO-PEDAGOGICO (CURRICULUM DIDATTICO)
Il laureato magistrale:
- possiede approfondite conoscenze di didattica della matematica e conoscenze di base di pedagogia e di psicologia;
- possiede un’ approfondita conoscenza storica ed epistemologica dei principali temi della matematica e del pensiero matematico e una buona visione generale della loro evoluzione;
- conosce i principali risultati della ricerca internazionale in didattica.



AREA DI APPRENDIMENTO: AVVIAMENTO ALLA RICERCA (CURRICULUM GENERALE E APPLICATIVO)
Il laureato magistrale:
- conosce teorie avanzate nei principali settori della matematica anche nei loro sviluppi più recenti;
- ha la capacità di affrontare lo studio di articoli di ricerca nei principali settori della matematica sia pura sia applicata.


CAPACITÀ DI APPLICARE CONOSCENZA E COMPRENSIONE:

AREA DI APPRENDIMENTO: AMBITO TEORICO
Il laureato magistrale:
- è in grado di utilizzare nozioni e risultati di algebra, geometria e analisi matematica a supporto di tutti i campi della matematica;
- è in grado di condurre autonomamente uno studio critico su argomenti relativi alle conoscenze apprese.


AREA DI APPRENDIMENTO: AMBITO MODELLISTICO-APPLICATIVO
Il laureato magistrale:
- sa utilizzare le competenze acquisite per costruire i modelli matematici necessari per impostare e risolvere problemi anche avanzati, provenienti dalle scienze applicate;
- utilizzando modelli matematici è in grado di produrre simulazioni di eventi relativi a problemi di tipo applicativo;
- è in grado di utilizzare software didattici e di calcolo scientifico;
- sa utilizzare strumenti probabilistici e metodi statistici per risolvere problemi provenienti da situazioni reali.


AREA DI APPRENDIMENTO N.3: AMBITO DIDATTICO-PEDAGOGICO (CURRICULUM DIDATTICO)
Il laureato magistrale:
- è in grado di saper gestire situazioni d’aula concrete nel processo d’insegnamento-apprendimento della matematica nelle scuole secondarie;
- è in grado di utilizzare con competenza sussidi didattici e software scientifici per la didattica;
- è in grado di usare le conoscenze apprese per l’elaborazione di materiali didattici efficaci da sperimentare in aula;
- è in grado di usare gli strumenti culturali acquisiti nella pratica dell’insegnamento.


AREA DI APPRENDIMENTO: AVVIAMENTO ALLA RICERCA (CURRICULUM GENERALE E APPLICATIVO)
Il laureato magistrale:
- è in grado di apportare contributi personali e originali a problemi aperti nell’ambito di teorie matematiche avanzate;
- è in grado di condurre autonomamente l’approfondimento, anche computazionale, verso gli sviluppi più recenti della meccanica e dei suoi problemi più significativi.


AUTONOMIA DI GIUDIZIO (MAKING JUDGEMENTS)

Il laureato magistrale:
- possiede elevata autonomia di giudizio in riferimento a soluzioni matematiche di problemi applicativi;
- sviluppa un elevato spirito critico e una considerevole abilità matematica, applicabili in diversi contesti teorici ed applicativi;
- possiede un'elevata capacità di raccogliere ed interpretare rilevanti dati scientifici;
- ha capacità di analisi di sintesi e di astrazione;
- possiede un'elevata capacità di raccogliere e analizzare informazioni da fonti diverse;
- possiede elevata autonomia di giudizio in riferimento ai problemi connessi con la didattica della matematica.
L'acquisizione delle competenze sopraelencate che attengono alla autonomia di giudizio viene garantita all'interno delle specifiche attività formative e soprattutto nello sviluppo del lavoro di tesi su un tema di ricerca.


ABILITÀ COMUNICATIVE (COMMUNICATION SKILLS)

Il laureato magistrale:
- sa presentare materiali e argomentazioni scientifiche elevate, in lingua italiana, oralmente o per iscritto, in modo chiaro e comprensibile;
- è in grado di interagire con fisici, chimici e biologi;
- possiede ampie capacità di lavorare in modo autonomo, ma anche di inserirsi in un gruppo di lavoro;
- è capace di inserirsi prontamente negli ambienti di lavoro.
Per il raggiungimento di tali obiettivi sono previste ampie modalità di verifica, inclusi colloqui, discussione dei progetti, anche mediante l'ausilio di strumenti multimediali e dimostrazioni al computer, seminari su argomenti avanzati.


CAPACITÀ DI APPRENDIMENTO (LEARNING SKILLS)

Il laureato magistrale:
- possiede elevate capacità di apprendimento che sono necessarie per intraprendere con sufficiente autonomia studi ulteriori;
- possiede ottime capacità per lo sviluppo e l'approfondimento in modo autonomo di ulteriori competenze con riferimento alla consultazione di materiale bibliografico, di banche dati e altre informazioni in rete, nonché di strumenti conoscitivi per l'aggiornamento continuo delle conoscenze;
- è capace di adattarsi a nuove situazioni.
La capacità di apprendimento viene formata in tutte le attività formative attraverso diverse strategie: supporto tutoriale allo studio individuale, iniziative di supporto alla capacità di programmazione e organizzazione del tempo di studio, attività di confronto seminariale, correzione degli eleborati. La capacità di apprendimento viene valutata anche attraverso forme di verifica durante le attività formative, dando una rilevanza particolare al rispetto delle scadenze. Anche l'elaborato per la prova finale contribuisce al raggiungimento di questa abilità, prevedendo che lo studente si misuri e comprenda informazioni nuove, non necessariamente fornite dal docente relatore.

Mobilità internazionale

Per periodi di formazione all'estero e mobilità internazionale degli studenti il Corso di Studio si avvale della collaborazione dell'Unità di Servizio Didattico (USD) dell'Area Scientifica e dei referenti di vari progetti Erasmus della Scuola stessa:
Servizio mobilità studentesca internazionale

Prova finale

Modalità di svolgimento della prova finale
La prova finale consiste nella verifica della capacità del laureando di lavorare in modo autonomo e di esporre e di discutere con chiarezza e piena padronanza i risultati di un progetto di ricerca originale, di natura teorica o applicativa, su un tema specifico.

Accesso a ulteriori studi

Dà accesso agli studi di terzo ciclo (Dottorato di ricerca e Scuola di Specializzazione) e master universitario di secondo livello.

Sbocchi occupazionali

PROFILO PROFESSIONALE:
RICERCATORE DI MATEMATICA

FUNZIONE IN UN CONTESTO DI LAVORO:
Principali funzioni
a.Svolge attività di ricerca presso università, enti di ricerca e aziende.
b.Svolge attività didattica relativa ad insegnamenti di livello universitario, curandone gli aspetti organizzativi e assicurando una buona qualità dell’apprendimento degli studenti.
c. Divulga ad alto livello la cultura scientifica con particolare riferimento agli aspetti teorici e applicativi della matematica classica e moderna.
d.Cura aspetti organizzativi e gestionali legati a progetti di ricerca, coordinando gruppi di lavoro nazionali e internazionali.
e.Approfondisce la sua preparazione, mantenendo aggiornate le sue conoscenze, partecipando a convegni nazionali e internazionali e attraverso lo studio autonomo.


COMPETENZE ASSOCIATE ALLA FUNZIONE:
- Attitudine allo studio per un aggiornamento continuo.
- Propensione all’auto-apprendimento.
- Creatività e doti intuitive.
- Capacità progettuali e di pianificazione.
- Capacità comunicative per permettere una buona divulgazione delle discipline matematiche.
- Dimestichezza nell’utilizzo di software informatici di tipo matematico e non.


SBOCCHI OCCUPAZIONALI:
- Università (per il passaggio in ruolo è necessaria l’acquisizione del titolo di Dottore di Ricerca)
- Centri di ricerca pubblici e privati
- Agenzie Nazionali e Regionali per la tutela dei Beni Culturali e dell’Ambiente e lo studio e
prevenzione dei rischi
- Centri di elaborazione e modellizzazione di dati
- Aziende ad alto contenuto tecnologico
- Istituti bancari e di consulenza finanziaria



PROFILO PROFESSIONALE:
DIVULGATORE E FORMATORE MATEMATICO

FUNZIONE IN UN CONTESTO DI LAVORO:
Principali funzioni
a.Trasmette le conoscenze della matematica elementare.
b.Divulga ad alto livello la cultura scientifica con particolare riferimento agli aspetti teorici e
applicativi della matematica classica e moderna.
c. Collabora al coordinamento e all’organizzazione delle attività didattiche negli Istituti ed
Enti di Formazione.
d.Approfondisce la sua preparazione, mantenendo aggiornate le sue conoscenze
disciplinari, partecipando a convegni nazionali e internazionali di carattere didattico.

Il laureato magistrale, in rapporto alle specifiche competenze acquisite, secondo la normativa vigente può affrontare l’esame per l’accesso al Tirocinio Formativo Attivo per acquisire l’abilitazione all’insegnamento nelle scuole secondarie di primo e secondo grado nelle classi di concorso previste.


COMPETENZE ASSOCIATE ALLA FUNZIONE:
- Attitudine allo studio per un aggiornamento continuo.
- Chiarezza espositiva e capacità di personalizzare i percorsi educativi a seconda del pubblico a cui sono rivolti.
- Buona capacità di ascolto e dialogo.
- Capacità di interagire con formatori di altre aree disciplinari.
- Dimestichezza nell’utilizzo di software informatici di tipo matematico e non.
- Capacità organizzative e di gestione.


SBOCCHI OCCUPAZIONALI:
- Insegnamento nella Scuola Secondaria nelle classi di concorso: A038, A042, A047, A048, A049 e A059 (per il passaggio in ruolo in una di queste classi è necessaria l’abilitazione all’insegnamento).
- Editoria didattica e scientifica.
- Società di organizzazione e gestione di eventi scientifici a carattere divulgativo.
- Enti di formazione scientifica.



PROFILO PROFESSIONALE:
MATEMATICO APPLICATO

FUNZIONE IN UN CONTESTO DI LAVORO:
Principali funzioni
a.Elabora modelli matematici e propone soluzioni in svariati campi applicativi.
b.Si interfaccia, nel campo della ricerca applicata, con altri professionisti (es. fisici, chimici biologi, ingegneri) proponendo nuovi modelli teorico-applicativi e risolvendo anche numericamente problemi specifici.
c. Gestisce, organizza e coordina gruppi di lavoro multidisciplinari.
d.Svolge attività di ricerca in ambito universitario, enti di ricerca e aziende.
e.Divulga ad alto livello la cultura scientifica con particolare riferimento agli aspetti applicativi della matematica classica e moderna.


COMPETENZE ASSOCIATE ALLA FUNZIONE:
- Creatività e doti di intuizione e di analisi.
- Capacità progettuali e di pianificazione.
- Capacità manageriali.
- Competenze di tipo comunicativo-relazionale.
- Dimestichezza nell’utilizzo di software scientifico, in particolare di tipo matematico e statistico.
- Capacità di auto-apprendimento e aggiornamento continuo.


SBOCCHI OCCUPAZIONALI:
- Enti di ricerca pubblici e privati.
- Agenzie Nazionali e Regionali per la tutela dei Beni Culturali e dell’Ambiente e lo studio e
prevenzione dei rischi.
- Centri di elaborazione dati.
- Aziende ad alto contenuto tecnologico.
- Istituti bancari e di consulenza finanziaria.
- Società di consulenza.
- Società di sondaggi.
- Società di sviluppo software
- Settore dei servizi.
- Editoria e Comunicazione scientifica.
- Logistica e gestione della produzione.
- Controllo di gestione.



Parere delle parti sociali


ORGANO O SOGGETTO ACCADEMICO CHE EFFETTUA LA CONSULTAZIONE
Consultazione del 29/10/2013 (Ultima consultazione)
Commissione QA del CdS: Prof.Emanuela Caliceti (Coordinatore del Corso di Studio), Dott. Andrea Bonfiglioli, Prof. Marco Lenci, Prof.Mirella Manaresi.

Consultazioni precedenti
Presidente del CdS e Docenti del Corso coinvolti nella valutazione della qualità.


ORGANIZZAZIONI CONSULTATE O DIRETTAMENTE O TRAMITE DOCUMENTI E STUDI DI SETTORE
Consultazione del 29/10/2013 (Ultima consultazione)
1. Per la figura professionale "Ricercatore di Matematica":
a. Maître de Conférences - Université Paris 7
b. Ricercatore a tempo determinato – Università di Torino
c. Research Assistant Professor - University of Illinois, Urbana-Champaign d. Ricercatore – Università di Padova
e. Ricercatore, Magneti Marelli
f. Maître de Conférences - Université D'Aix-Marseille
g. Postdoctoral Research Assistant Professor - University of Utah (Salt
Lake City (UT), USA)
2. Per la figura professionale "Divulgatore e Formatore Matematico":
a. Insegnante di Matematica e Fisica - ISIS Archimede – San Giovanni in
Persiceto
b. Insegnante di Matematica e Fisica - Liceo Fulcieri Paolucci de Calboli –
Forlì
c. Insegnante di Matematica e Fisica - Liceo Scientifico Fermi - Bologna d. Insegnante di Matematica e Fisica - Liceo Torricelli - Faenza
e. Insegnante di Matematica e Fisica - Liceo Scientifico Copernico -
Bologna
f. Insegnante di Matematica e Fisica - IIS F. Alberghetti - Imola
g. Insegnante di Matematica e Fisica - Liceo Leonardo Da Vinci –
Casalecchio di Reno
h. Insegnante di Matematica e Fisica - Liceo Laura Bassi - Bologna
3. Per la figura professionale "Matematico Applicato":
a. Senior Manager - Prometeia
b. Responsabile Gruppo di lavoro per i controlli di qualità sulle macchine - GD Bologna
c. Area Clienti - Noemalife
d. Capo Progetto Tecnico - Coop Adriatica

Consultazioni precedenti
Ex Laureati in Matematica già inseriti nella aziende, negli enti di ricerca e nella scuola.


MODALITA' E CADENZA DI STUDI E CONSULTAZIONI
Il 29/10/2013 la Commissione QA del CdS ha individuato le organizzazioni da consultare sia scegliendo fra soggetti già contattati in occasione di precedenti consultazioni, sia individuando nuovi laureati magistrali in matematica entrati nel mondo del lavoro più recentemente. Contestualmente la Commissione ha elaborato un questionario da sottoporre ai soggetti selezionati, in cui è stato chiesto di valutare l’adeguatezza del progetto formativo e la sua coerenza con le figure professionali individuate, nonché la rispondenza di queste ultime alle esigenze delle organizzazioni contattate. Il questionario è stato inviato via mail il giorno stesso.
I soggetti contattati hanno comunicato le loro risposte al questionario o via mail o via skype.
Nel ritenere che le figure professionali individuate di "Ricercatore di Matematica", "Docente di Scuola Secondaria" e "Matematico Applicato" siano rispondenti alle esigenze del proprio settore professionale, le parti sociali consultate hanno valutato il progetto formativo del corso di studio complessivamente adeguato alla formazione di tali figure. Nel contempo hanno fornito alcune indicazioni. In particolare, per la figura di "Ricercato in Matematica" è stato suggerito di delineare percorsi formativi di orientamento alla ricerca. Per la figura di "Docente di Scuola Secondaria" è stato suggerito di potenziare il carattere pratico e laboratoriale degli insegnamenti e di ampliare le conoscenze delle tematiche moderne anche in ambito fisico. Per la figura "Matematico Applicato" è stato suggerito di aumentare le ore di esercitazioni, anche per acquisire maggiore dimestichezza con gli strumenti informatici; inoltre è stato suggerito di potenziare gli stage aziendali.
La Commissione QA ritiene pertinenti le osservazioni delle parti consultate. Per dare seguito a tali indicazioni non sarà necessaria una modifica del piano didattico, in quanto i principali suggerimenti ricevuti corrispondono a processi di revisione che il CdS ha già avviato sia per un miglioramento della qualità dell’offerta formativa sia per un potenziamento del placement.
Dalle precedenti consultazioni, avvenute il 4/11/2008 e successivamente il 25/01/2011, erano emerse le seguenti osservazioni: è fondamentale l'attitudine al ragionamento, a risolvere problemi, lavorare in equipe, interfacciarsi con formazioni diverse; si sottolinea inoltre l'importanza dell'approccio interdisciplinare e l'acquisizione di abilità progettuali, di comunicazione e di laboratorio.
L’attuale consultazione è stata svolta sia a scopo di aggiornamento sia per avere indicazioni mirate al fine di migliorare il placement del CdS, anche se in questi anni si sono mantenuti contatti costanti con le parti sociali attraverso l’organizzazione del ciclo di Seminari "Professione Matematico" e attraverso il "Piano Lauree Scientifiche".


DOCUMENTAZIONE
Consultazione del 29/10/2013 (Ultima consultazione)
Per la consultazione è stato utilizzato il questionario predisposto dalla Commissione QA del CdS che è conservato presso la Segreteria Didattica del Dipartimento di Matematica assieme alle risposte pervenute via mail e ai verbali della consultazione redatti.

Consultazioni precedenti
Il materiale è conservato presso la Segreteria Didattica del Dipartimento di
Matematica.

Contatti e recapiti utili

Segreteria Didattica
Dott.ssa Alice Barbieri
Dipartimento di Matematica
Piazza Porta San Donato 5
40126 Bologna
Tel. 051/2094852
mail: a.barbieri@unibo.it

Tutor: Debora Di Tommaso, email: debora.ditommaso@studio.unibo.it