Laurea Magistrale in Fisica

Scheda del corso

Tipo di laurea Laurea Magistrale
Anno Accademico 2017/2018
Ordinamento D.M. 270
Codice 8025
Classe di corso LM-17 - FISICA
Anni Attivi I e II anno
Modalità didattica Convenzionale (lezioni in presenza)
Tipo di accesso Prova di verifica dell’adeguatezza della preparazione​
Curricula Il piano didattico prevede quattro curricula: Teorico Generale; Fisica Nucleare e Subnucleare; Fisica Applicata; Materials Physics and Nanoscience
Sede didattica Bologna
Tipologia Corso con uno o più curricula internazionali
Coordinatore del corso Nico Lanconelli
Docenti Elenco dei docenti
Lingua Italiano,Inglese

Obiettivi formativi specifici del corso e descrizione del percorso formativo

Il Corso prevede la formazione di laureati con una preparazione qualificata e specifica nel campo della Fisica che permetta sia l'inserimento diretto nel mondo del lavoro che l'affinamento delle proprie competenze attraverso corsi di istruzione superiore.

Obiettivi del Corso di Studio sono:
- una solida preparazione culturale nei vari settori della fisica contemporanea e nei suoi aspetti teorici, sperimentali e applicativi, attenta agli sviluppi più recenti della ricerca scientifica e della tecnologia;

- un'approfondita conoscenza di strumenti matematici, informatici e di analisi dati;

- una solida padronanza del metodo scientifico di studio e di tecniche per la risoluzione dei problemi di indagine;

- capacità di modellizzazione di sistemi complessi nei diversi campi, anche in ambito non strettamente fisico;
- capacità di utilizzare e progettare avanzate strumentazioni di misura;

- autonomia nell'operare, anche in ruoli di responsabilità, nel campo della ricerca e dell'innovazione scientifica e tecnologica, in ambito sia nazionale che internazionale.

Ai fini indicati, il corso di laurea magistrale si articola in curricula e:
- comprende attività finalizzate all'acquisizione di conoscenze approfondite della fisica teorica, della fisica nucleare e subnucleare, della fisica della materia, della fisica applicata;
- 
 prevede attività di laboratorio, in particolare dedicate alla conoscenza operativa delle più recenti e sofisticate metodiche sperimentali, alla misura e all'analisi, ed elaborazione dei dati e alla conoscenza di tecniche di calcolo numerico e simbolico;

- può prevedere attività esterne come tirocini formativi presso laboratori di enti di ricerca, industrie, aziende, strutture della pubblica amministrazione, oltre a soggiorni di studio presso altre università italiane ed estere, anche nel quadro di accordi internazionali.

Curricula

Il piano didattico prevede quattro curricula: Teorico Generale; Fisica Nucleare e Subnucleare; Fisica Applicata; Materials Physics and Nanoscience

Risultati di apprendimento attesi

CONOSCENZA E CAPACITÀ DI COMPRENSIONE:

AREA DI APPRENDIMENTO: PRINCIPI E TEORIA DELLA FISICA CONTEMPORANEA
Il laureato magistrale:
- possiede una buona conoscenza della matematica necessaria per descrivere le teorie della fisica classica e quantistica;
- conosce fatti, principi e fenomeni della fisica contemporanea nelle sue varie articolazioni (fisica teorica, fisica nucleare e subnucleare, fisica della materia, fisica applicata);
- ha padronanza dei principi e delle teorie necessari per la descrizione, interpretazione e modellizzazione dei fenomeni della fisica contemporanea;

Le conoscenze e capacità di comprensione sopra elencate sono conseguite tramite la partecipazione alle lezioni frontali e alle esercitazioni ed anche tramite lo studio individuale.
La verifica del raggiungimento dei risultati di apprendimento avviene principalmente attraverso esami scritti ed orali.

AREA DI APPRENDIMENTO: METODI E STRUMENTI
Il laureato magistrale:
- possiede capacità di uso e gestione di attrezzature di laboratorio;
- possiede conoscenze per la modellizzazione e simulazione, anche numerica, di modelli fisici;
- conosce tecniche di analisi dei dati e di data-processing;
- possiede capacità informatiche;
- a seconda del curriculum scelto, acquisisce competenze specifiche di avanguardia in ambiti della fisica contemporanea nelle sue varie articolazioni.

Le conoscenze e capacità di comprensione sopra elencate sono conseguite tramite la partecipazione a lezioni frontali, esercitazioni, attività di laboratorio ed anche tramite lo studio individuale.
La verifica del raggiungimento dei risultati di apprendimento avviene principalmente attraverso esami scritti ed orali, nonché la redazione di relazioni.


CAPACITÀ DI APPLICARE CONOSCENZA E COMPRENSIONE:

AREA DI APPRENDIMENTO: PRINCIPI E TEORIA DELLA FISICA CONTEMPORANEA
Il laureato magistrale:
- è in grado di applicare il metodo scientifico nella rappresentazione e nella modellizzazione della realtà fisica e della loro verifica;
- è in grado di utilizzare strumenti matematici ed informatici per analizzare criticamente modelli rappresentativi della fenomenologia osservata, anche in ambiti non strettamente fisici;
- è capace di leggere con spirito critico la letteratura di ricerca contemporanea, anche in inglese;
- è in grado di presentare rielaborazioni originali in forma scritta o orale, anche in inglese, di problemi e ricerche della fisica classica e moderna.

AREA DI APPRENDIMENTO: METODI E STRUMENTI
Il laureato magistrale:
- è capace di progettare, organizzare e condurre misure di laboratorio;

- è in grado di utilizzare strumenti matematici ed informatici per analizzare criticamente modelli rappresentativi della fenomenologia osservata, anche in ambiti non strettamente fisici;
- è capace di gestire, analizzare ed interpretare dati scientifici, anche in ambito non strettamente fisico;
- è in grado di presentare, sia in forma scritta che orale, i risultati di un progetto, anche in inglese.


AUTONOMIA DI GIUDIZIO (MAKING JUDGEMENTS)

Il laureato magistrale:

- possiede ottime capacità di "problem solving", applicabili anche in contesti non strettamente fisici;
- è in grado di attribuire un corretto significato a misure di laboratorio;

- possiede abilità teoriche e sperimentali anche in settori avanzati della fisica applicabili anche in contesti diversi dalla ricerca in fisica;

- è in grado di dare valutazioni appropriate anche in campi non strettamente scientifici;

- è in grado di dare valutazioni, anche etiche, basandosi su un'analisi complessiva di tanti aspetti, scientifici e non, legati al problema.


L'autonomia di giudizio viene sviluppata in particolare durante le attività di esercitazioni e di laboratorio previste nell'ambito degli insegnamenti obbligatori e degli insegnamenti opzionali inseriti nel piano didattico, nonché nelle ulteriori
attività formative e nella preparazione della prova finale. Le forme di verifica
prevedono la presentazione di relazioni scritte e/o la discussione di presentazioni orali. La valutazione del grado di autonomia e capacità di lavorare, anche in gruppo, avviene durante lo svolgimento delle ulteriori attività formative e di preparazione della prova finale.


ABILITÀ COMUNICATIVE (COMMUNICATION SKILLS)

Il laureato magistrale:

- è capace di comunicare, in forma orale e scritta in lingua madre, informazioni, idee, problemi e soluzioni;

- è in grado di trasmettere e divulgare ad alto livello informazioni, idee, problemi e soluzioni su tematiche scientifiche anche in una o più lingue europee tra le principali;

- possiede una buona propensione al lavoro di gruppo in generale, nonché buone capacità di gestire e coordinare progetti e gruppi di lavoro
multidisciplinari, anche in contesti internazionali.

Le abilità comunicative scritte ed orali sono particolarmente sviluppate in esercitazioni ed attività formative di laboratorio che prevedono anche la preparazione di relazioni e documenti scritti e l'esposizione orale dei medesimi. L'acquisizione delle abilità comunicative sopra elencate è prevista inoltre tramite la redazione dell'elaborato, che può essere redatto in inglese, per la prova finale e la discussione del medesimo o in occasione dello svolgimento delle ulteriori attività formative.
Potranno essere previste sia l'acquisizione delle quattro abilità linguistiche (lettura, scrittura, ascolto, e dialogo) sia la frequenza vincolata delle lezioni, secondo criteri che verranno specificati in itinere dal corso di studi, in coerenza alle prescrizioni degli Organi accademici.


CAPACITÀ DI APPRENDIMENTO (LEARNING SKILLS)

Il laureato magistrale:

- è capace di sviluppare e approfondire in modo autonomo ulteriori competenze con riferimento alla consultazione di materiale bibliografico, banche dati e altre informazioni in rete;
- è in grado di utilizzare strumenti conoscitivi di base per l'aggiornamento continuo delle conoscenze;
- è capace di adattarsi a nuove situazioni lavorative.

Le capacità di apprendimento sono conseguite nel percorso di studio nel suo complesso, contrassegnato da un preciso rigore metodologico. La capacità di apprendimento è valutata attraverso varie forme di verifica attuate durante le attività formative con particolare riguardo anche alle capacità di auto- apprendimento maturate durante lo svolgimento dell'attività in preparazione della prova finale.

Accesso a ulteriori studi

Dà accesso agli studi di terzo ciclo (Dottorato di ricerca e Scuola di specializzazione) e master universitario di secondo livello.

Sbocchi occupazionali

PROFILO PROFESSIONALE:
Fisico specialista

FUNZIONE IN UN CONTESTO DI LAVORO:
Il Fisico specialista possiede una preparazione qualificata e specifica che gli permette di svolgere attività di ricerca e sviluppo in ambito niversitario, enti di ricerca ed aziende in campo industriale e/o del terziario.
Il Fisico specialista può svolgere funzioni di:
- promozione dello sviluppo dell'innovazione scientifica e tecnologica e divulgazione ad alto livello della cultura scientifica;
- gestione e progettazione di attrezzature ad alto contenuto tecnologico nei settori dell'industria, dell'ambiente, della sanità, dei beni culturali e della pubblica amministrazione;

- conduzione, organizzazione e progettazione di misure di laboratorio;
- organizzazione e coordinazione di gruppi di lavoro, anche multidisciplinari, in contesti sia nazionali che internazionali.
Significative opportunità di crescita professionale, di specializzazione, di ampliamento delle competenze in specifici settori possono essere ottenute attraverso il perfezionamento della preparazione scientifica e professionale con ulteriori attività di studio di livello più avanzato (Dottorato, Master di II livello, Scuole di Specializzazione).

COMPETENZE ASSOCIATE ALLA FUNZIONE:
Il Fisico specialista è in grado di:
- analizzare, elaborare ed interpretare le misure sperimentali alla luce di teorie appropriate;

- interpretare e discutere criticamente fatti, concetti, principi essenziali e teorie relative ad aree specialistiche della fisica;

- elaborare soluzioni e proporre modelli in svariati campi, oltre che in ambito strettamente fisico;

- interfacciarsi con altre figure professionali, aiutandoli a risolvere problemi pratici specifici e proponendo nuove soluzioni.

SBOCCHI OCCUPAZIONALI:
Il Fisico specialista trova sbocchi professionali, anche a livello progettuale e manageriale, presso:
- Università, Enti e Centri di ricerca pubblici e privati
- Agenzie Nazionali e Regionali per la tutela dei Beni Culturali e dell'Ambiente e lo studio e prevenzione dei rischi
- Istituzioni di ricerca in ambito biomedico e strutture ospedaliere

- Scuole medie inferiori e superiori, previo opportuni corsi di abilitazione per all'insegnamento
- Laboratori di studio e progettazione in aziende pubbliche e private

- Laboratori di certificazione di qualità di produzioni industriali

- Centri di elaborazione e modellizzazione di dati

- Aziende ad alto contenuto tecnologico
- Istituti bancari e di consulenza finanziaria
.