Laurea Magistrale in Physics

Scheda del corso

Tipo di laurea Laurea Magistrale
Anno Accademico 2018/2019
Ordinamento D.M. 270
Codice 9245
Classe di corso LM-17 - FISICA
Anni Attivi I anno
Modalità didattica Convenzionale (lezioni in presenza)
Tipo di accesso Prova di verifica dell’adeguatezza della preparazione​
Sede didattica Bologna
Tipologia Corso con uno o più curricula internazionali
Coordinatore del corso Nico Lanconelli
Docenti Elenco dei docenti
Lingua Italiano,Inglese

Requisiti di accesso e verifica delle conoscenze/preparazione

Per essere ammessi al Corso di Laurea Magistrale in Fisica è necessario possedere una Laurea di primo livello in una delle seguenti classi o possedere altro titolo di studio conseguito all'estero, riconosciuto idoneo:

- ex D.M. 270: tutte le Lauree della Classe L-30

- ex. D.M. 509/99: Laurea Triennale della classe XXV - Scienze e Tecnologie Fisiche.
- Previgente ordinamento quadriennale: Laurea in Fisica, Laurea in Astronomia.

Inoltre è richiesta la conoscenza della lingua inglese di livello almeno B2.

Oltre che al possesso dei requisiti curriculari sopra indicati, l'ammissione al Corso di Laurea Magistrale è subordinata all'accertamento dell'adeguata preparazione personale, che sarà effettuata secondo le modalità definite nel regolamento didattico del corso di studio.

In particolare sono richieste:
- conoscenze fondamentali della matematica, in particolare dell'algebra, della geometria, del calcolo differenziale e integrale;

- conoscenze fondamentali della fenomenologia e dei modelli della fisica classica e moderna;

- elementi di chimica e conoscenze di fisica moderna applicate alla microfisica, relativi ad esempio alla fisica nucleare e subnucleare e alla struttura della materia;
- competenze di laboratorio, in particolare dedicate alla conoscenza della strumentazione di base, alla misura e all'elaborazione dei dati anche tramite strumenti informatici.

Maggiori dettagli nel Regolamento del Corso di Studio

Obiettivi formativi specifici del corso e descrizione del percorso formativo

La Laurea Magistrale in Fisica ha come obiettivo la formazione di laureati con una preparazione avanzata e specifica in ambito delle conoscenze e delle applicazioni della Fisica, che permetta sia l'inserimento diretto nel mondo del lavoro con qualifiche di alto livello che l'affinamento delle proprie competenze attraverso corsi di istruzione superiore.
In specifico, il Corso di Studio mira a formare Fisici che posseggono:

- una solida preparazione culturale nei vari settori della fisica contemporanea e nei suoi aspetti teorici e dei fondamenti, sperimentali e applicativi, attenta agli sviluppi più recenti della ricerca scientifica e della tecnologia;
- una solida padronanza del metodo scientifico di studio e di tecniche per la risoluzione dei problemi;

- strumenti matematici ed informatici avanzati per la descrizione e la modellizzazione di sistemi fisici;

- capacità di modellizzazione di sistemi complessi in diversi campi, anche in ambito non strettamente fisico;
- capacità di utilizzare e progettare avanzate strumentazioni e metodologie di misura;

- autonomia nell'operare, anche in ruoli di responsabilità, nel campo della ricerca e dell'innovazione scientifica e tecnologica;
- capacità di promuovere e divulgare la cultura scientifica e tecnologica e valutarne l'impatto sulla società.
Sono quindi in grado di:
- applicare il metodo scientifico nell'analisi, rappresentazione e modellizzazione anche di sistemi fisici complessi e proporre soluzioni a nuovi problemi;

- preparare e presentare ricerche scientifiche e/o materiali divulgativi, in forma orale o scritta, in italiano e in inglese;
- utilizzare strumenti di auto-apprendimento per un aggiornamento rapido al progresso della scienza e della tecnologia;

- inserirsi prontamente negli ambienti di lavoro, lavorando anche in team.

Ai fini indicati, il Corso di Laurea Magistrale in Fisica prevede attività formative in due aree tematiche:
- Area "Principi e Teoria della Fisica Contemporanea"
- Area "Metodi e Strumenti"

e si articola in diversi curricula, alcuni dei quali si tengono in lingua inglese.

In particolare, il Corso di Laurea Magistrale prevede:
- attività finalizzate all'acquisizione di conoscenze approfondite e aggiornate della fisica teorica, della fisica nucleare e subnucleare, della fisica della materia, della fisica applicata, della didattica e storia della fisica;
- esercitazioni e laboratori, per lo sviluppo di competenze operative nelle più recenti e sofisticate metodiche sperimentali e di misura, nell'analisi ed elaborazione dei dati, nelle tecniche di calcolo simbolico e numerico;
- attività trasversali che mirano a sviluppare abilità di progettazione scientifica, imprenditorialità, comunicazione scientifica;
- una prova finale, che prevede l'elaborazione di un progetto originale da parte dello studente, che può essere svolto all'interno di un gruppo di ricerca del Dipartimento oppure presso enti e aziende pubblici o privati, in Italia o all'estero, anche nel quadro di accordi internazionali.

Risultati di apprendimento attesi

CONOSCENZA E CAPACITÀ DI COMPRENSIONE (KNOWLEDGE AND UNDERSTANDING)

Il Laureato magistrale in Fisica possiede:
- strumenti matematici avanzati di calcolo simbolico e numerico;
- conoscenze avanzate della fisica contemporanea nei suoi aspetti teorici e dei fondamenti, sperimentali e applicativi;
- competenze avanzate delle moderne metodologie e strumentazioni di laboratorio;
- capacità di analisi e elaborazioni di grandi quantità di dati, anche tramite strumenti informatici.

Inoltre, in relazione ad obiettivi specifici e in preparazione della tesi di laurea, possono essere previste attività di formazione esterne, presso strutture pubbliche e private, oltre a soggiorni di studio presso altre università italiane ed estere, anche nel quadro di accordi internazionali.

Le conoscenze e capacità di comprensione sopra elencate sono principalmente conseguite tramite la partecipazione degli studenti a lezioni frontali in aula, ad attività seminariali ed anche tramite lo studio individuale.

La verifica di tali conoscenze avviene attraverso il superamento degli esami fondamentali del Corso, che possono prevedere sia compiti scritti che interrogazioni orali, così come specificato per ogni singolo insegnamento nelle Guide Web pubblicate nel Portale d'Ateneo.


CAPACITÀ DI APPLICARE CONOSCENZA E COMPRENSIONE (APPLYING KNOWLEDGE AND UNDERSTANDING)

Il Laureato magistrale in Fisica è in grado di:
- descrivere, anche in maniera quantitativa, i fenomeni del mondo fisico;
- descrivere il quadro di riferimento teorico e interpretativo negli ambiti di base della fisica classica e moderna;
- risolvere problemi qualitativi e quantitativi in vari ambiti della fisica;
- utilizzare il metodo scientifico per indagare nuovi fenomeni;
- comprendere e utilizzare moderni strumenti di misura in un laboratorio;
- utilizzare software scientifici e linguaggi di programmazione per l'analisi di problemi fisici;
- analizzare con metodologia scientifica anche grandi quantità di dati.
Inoltre il Laureato magistrale in Fisica è capace di:
- utilizzare strumenti di auto-apprendimento per un aggiornamento rapido e continuo;
- lavorare in gruppo, pur operando con definiti gradi di autonomia, e di inserirsi prontamente negli ambienti di lavoro;

- presentare materiali e argomentazioni scientifiche oralmente o per iscritto in modo chiaro e comprensibile in italiano e in inglese.

Le capacità di applicare conoscenza e comprensione sono principalmente conseguite tramite la partecipazione degli studenti a sessioni di esercitazioni e di laboratorio ed anche tramite lo studio individuale.

La verifica di tali conoscenze avviene attraverso il superamento degli esami fondamentali del Corso, che possono prevedere anche esercitazioni scritte, presentazione di relazioni e/o brevi elaborati in forma scritta o orale, così come specificato per ogni singolo insegnamento nelle Guide Web pubblicate nel Portale d'Ateneo.


AUTONOMIA DI GIUDIZIO (MAKING JUDGEMENTS)

Il Laureato Magistrale in Fisica è in grado di:
- esplicitare le premesse e valutare l'adeguatezza della soluzione di un problema di fisica teorica o sperimentale;
- valutare criticamente e interpretare le osservazioni e le misure di laboratorio;
- confrontare e porsi criticamente nei confronti di interpretazioni e teorie che descrivono un dato problema fisico;
- formulare valutazioni basandosi su un'analisi complessiva di tanti aspetti, scientifici e non, legati al problema;
- valutare l'impatto delle innovazioni scientifiche e tecnologiche nella società.

L'autonomia di giudizio è sviluppata in particolare tramite le sessioni di esercitazioni e di laboratorio, nonché nelle ulteriori attività di formazione e orientamento e nelle attività per la preparazione della prova finale.
Le forme di verifica prevedono la presentazione di relazioni scritte sulle attività di laboratorio, redazione di progetti, presentazioni orali di tematiche di approfondimento e/o della ricerca effettuata per la prova finale.


ABILITÀ COMUNICATIVE (COMMUNICATION SKILLS)

Il Laureato Magistrale in Fisica è in grado di:
- comprendere lezioni, seminari specialistici, testi scientifici e articoli di ricerca, in italiano e in inglese;
- comunicare, in forma orale e scritta, informazioni, idee, problemi e soluzioni, in italiano e in inglese;
- presentare e divulgare ad alto livello informazioni, idee, problemi e soluzioni su tematiche scientifiche, in italiano e in inglese;
- comunicare e interagire in maniera costruttiva all'interno di un team, anche di carattere interdisciplinare.

Le abilità comunicative sono particolarmente sviluppate durante le esercitazioni e le sessioni di laboratorio, nonché durante lo svolgimento delle ulteriori attività di formazione e orientamento e quelle relative alla prova finale.

Tali abilità sono verificate tramite la preparazione di relazioni e documenti scritti e/o l'esposizione orale dei medesimi in sede d'esame e soprattutto mediante la redazione e la discussione dell'elaborato di tesi, che può essere scritto in inglese.


CAPACITÀ DI APPRENDIMENTO (LEARNING SKILLS)

Il Laureato Magistrale in Fisica è capace di:
- ricercare e approfondire in modo autonomo le sue competenze con riferimento alla consultazione di materiale bibliografico, banche dati specializzate e altre informazioni in rete;

- utilizzare strumenti per l'aggiornamento continuo delle proprie conoscenze;
- lavorare in un gruppo, collaborando nello scambio di informazioni e di materiali.

Le capacità di apprendimento sono conseguite e verificate nel percorso di studio nel suo complesso. In particolare tali capacità sono affinate durante lo studio individuale e le attività svolte per la preparazione della prova finale.

Accesso a ulteriori studi

Dà accesso agli studi di terzo ciclo (Dottorato di ricerca e Scuola dispecializzazione) e master universitario di secondo livello.

Sbocchi occupazionali

PROFILO PROFESSIONALE:
Fisico specialista

FUNZIONE IN UN CONTESTO DI LAVORO:
Il Fisico specialista può svolgere funzioni nei diversi ambiti sottoelencati:

1) Fisico specialista - Ricerca e sviluppo

Svolge attività di ricerca, consulenza, formazione e aggiornamento e nella loro applicazione in ambito industriale, ambientale, sanitario, dei beni culturali e della pubblica amministrazione, sviluppando teorie, metodi di calcolo , strumentazione e metodologie di misura.
Si occupa di:
- sviluppare teorie, metodologie di indagine, strumentazione, tecniche di simulazione e analisi dati in svariati campi della ricerca in fisica, con particolare riguardo a quelli relativi allo studio della modellistica teorica, delle interazioni fondamentali, della fisica della materia, della fisica bio-medica, dei sistemi complessi, della didattica, storia e fondamenti della fisica;
- progettare e trasferire conoscenze, metodologie e tecnologie innovative in vari settori della ricerca scientifica e sviluppo tecnologico, quali la meccanica, la termodinamica, l'elettromagnetismo, l'elettronica, l'informatica, la microfisica, la fisica bio-medica.

2) Fisico specialista - Tecnologie e applicazioni in ambito pubblico e privato

Svolge funzioni di:
- progettazione, organizzazione e conduzione di misure di laboratorio;

- gestione e progettazione di attrezzature ad alto contenuto tecnologico nei settori dell'industria, dell'ambiente, della sanità, dei beni culturali e della pubblica amministrazione;
- programmazione, elaborazione e analisi di grandi quantità di dati in svariati ambiti scientifici, non strettamente di carattere fisico;
- organizzazione e coordinazione di gruppi di lavoro, anche multidisciplinari, in contesti sia nazionali che internazionali.

3) Fisico specialista - Promozione della cultura scientifica e insegnamento

Svolge funzioni di:
- promozione dello sviluppo dell'innovazione scientifica e tecnologica, di attività di outreach sulla fisica e divulgazione della cultura scientifica;
- progettazione e sviluppo di strumenti e metodologie didattiche innovative;
- monitoraggio e analisi dei processi didattici e di insegnamento;
- perfezionamento in appositi percorsi di formazione degli insegnanti.

COMPETENZE ASSOCIATE ALLA FUNZIONE:
1) Fisico specialista - Ricerca e sviluppo

Per svolgere le suddette funzioni sono richieste conoscenze e capacità per
- interpretare e discutere criticamente fatti, concetti, principi e teorie relative ad aree specialistiche della fisica;
- eseguire, elaborare ed interpretare, alla luce di teorie appropriate, osservazioni e misure sperimentali;

- progettare la simulazione e l'elaborazione di grandi quantità di dati derivanti da osservazioni e misure;
- proporre modelli ed elaborare soluzioni per problemi avanzati.

Sono inoltre necessarie capacità di:
- comprensione e comunicazione scritta e orale, anche in inglese;
- auto-apprendimento e aggiornamento continuo;
- inserimento in vari ambienti di lavoro, lavorando in team.

2) Fisico specialista - Tecnologie e applicazioni in ambito pubblico e privato

Per svolgere le suddette funzioni sono richieste conoscenze e capacità per
- interpretare e discutere criticamente fatti, concetti, principi e teorie relative ad aree specialistiche della fisica;
- eseguire, elaborare ed interpretare, alla luce di teorie appropriate, osservazioni e misure sperimentali;

- progettare e gestire strumentazione e attrezzature avanzate in vari settori industriali ad alto contenuto tecnologico;
- progettare la simulazione e l'elaborazione di grandi quantità di dati derivanti da osservazioni e misure.

Sono inoltre necessarie capacità di:
- comprensione e comunicazione scritta e orale, anche in inglese;
- auto-apprendimento e aggiornamento continuo;
- inserirsi in vari ambienti di lavoro, lavorando in team.

3) Fisico specialista - Promozione della cultura scientifica e insegnamento

Per svolgere le suddette funzioni sono richieste conoscenze e capacità per
- analizzare, utilizzare e progettare una varietà di testi e materiali sulla fisica sviluppati per fini didattici;
- progettare e condurre il monitoraggio e l'analisi delle pratiche di insegnamento e di valutazione messe in atto a livello scolastico;
- analizzare e progettare percorsi didattici innovativi nell'ambito della fisica, relativamente agli argomenti previsti dalle indicazioni nazionali per le scuole secondarie;
- organizzare e gestire gruppi di lavoro, anche interdisciplinari;
- promuovere e divulgare la cultura scientifica attraverso vari mezzi di comunicazione, anche ad alto livello;
- progettare e condurre attività di conservazione e diffusione nella società della cultura scientifica;
- valutare le implicazioni sociali della ricerca scientifica e tecnologica.

Sono inoltre necessarie capacità di:
- comprensione e comunicazione scritta e orale, anche in inglese;
- auto-apprendimento e aggiornamento continuo.

SBOCCHI OCCUPAZIONALI:
1) Fisico specialista - Ricerca e sviluppo

- Attività di formazione superiore: Masters di II livello, Scuole di Specializzazione e Dottorati di Ricerca in svariati ambiti fisici (fisica teorica, fisica nucleare e subnucleare, fisica della materia e delle nanoscienze, fisica applicata alla medicina e alla biologia, didattica e fondamenti della fisica) e dell'analisi dati (modellistica applicata alla finanza e all'economia, Big Data, ecc.);
- Università, Enti e Centri di ricerca pubblici e privati;
- Agenzie Nazionali e Regionali per la tutela dei Beni Culturali e per la tutela dell'Ambiente;
- Enti e aziende nei servizi relativi alla fisica medica e sanitaria;
- Laboratori di ricerca e sviluppo in aziende pubbliche e private ad alto contenuto tecnologico;

- Centri di elaborazione e modellizzazione di dati.

2) Fisico specialista - Tecnologie e applicazioni in ambito pubblico e privato

- Laboratori presso Agenzie Nazionali e Regionali per la tutela dei Beni Culturali e per la tutela dell'Ambiente;
- Aziende e strutture pubbliche nei servizi relativi alla fisica medica e sanitaria;
- Aziende private ad alto contenuto tecnologico, in vari settori industriali, quali quelli della meccanica, dell'elettronica e della sensoristica, delle apparecchiature elettro-medicali, dell'informatica e delle comunicazioni, delle risorse energetiche, dei nuovi materiali; 

- Laboratori di certificazione di qualità di produzioni industriali;

- Centri informatici, di elaborazione e modellizzazione di dati.
- Istituti bancari e di consulenza finanziaria.

3) Fisico specialista - Promozione della cultura scientifica e insegnamento

- Attività di formazione superiore quali Master di II livello o Dottorati di Ricerca in Didattica, Storia e Comunicazione della Fisica e/o della Scienza;
- Scuole secondarie di I e II grado, previo completamento di appositi Percorsi di formazione per l'attività di insegnamento nelle Scuole secondarie di I e II grado, ai quali si ha accesso avendo acquisito opportuni crediti come previsto dalla normativa;
- Università, Enti e Centri di ricerca pubblici e privati che prevedono sezioni di comunicazione della fisica e di outreach;
- Musei, centri e fondazioni per la conservazione e lo sviluppo della cultura scientifica;
- Agenzie, riviste e giornali con attività dedicata all'informazione scientifica.