56286 - GEOMORFOLOGIA

Scheda insegnamento

  • Docente Stefano Cremonini

  • Crediti formativi 6

  • SSD GEO/04

  • Modalità di erogazione In presenza (Convenzionale)

  • Lingua di insegnamento Italiano

Anno Accademico 2017/2018

Conoscenze e abilità da conseguire

Al termine del corso, lo studente è in grado di: - riconoscere processi morfogenici e relative forme diagnostiche; - produrre una cartografia geomorfologica speditiva.

Programma/Contenuti

26 (20 front+6 Eserc) micromoduli biorari in sè completi, concernenti:

1) ambiti di studio e concetti; 2) mobilità verticale in ambito crostale; 3)processo di alterazione; 4-5) pedologia;  (Eser 1) cartografia tecnica; 6) idrologia; 7) rete idrografica e parametri bacinali e d'alveo; (Eser 2) parametri quantitativi; Processi e Forme (P.F.): 8) ambiente di versante; 9) PF a.fluviale; 10) PF a. lacustre; 11) PF a. litorale; 12) PF a. eolico; 13) PF a. glaciale; 14) PF a.periglaciale; 15) PF a. carsico; 16) PF a. vulcanico;17) PF a.sottomarino; 18) geomorfologia strutturale; 19) geomorfologia antropica; 20) cartografia geomorfologica;  (Eser. 3-4) analisi della carta personale. (Eser. 5) Elementi di interpretazione palinsesti fotografici; (Eser. 6) Cenni introduttivi alla stereoscopia per analisi aerofotografica.

Testi/Bibliografia

Oltre agli appunti personali ed alle fotocopie (consentite per legge) messe a disposizione dal docente si consiglia lo studio di almeno uno dei testi (nella lingua preferita) sottoelencati.

La bibliografia è commisurata al carico didattico: la molteplicità dei titoli è legata sia all’aggiornamento tecnico-scientifico sia alla libertà di scelta dello studente, ma soprattutto vuole rappresentare un riferimento professionale certo post-laurea quando lo studente non potrà più contare sull’ausilio del docente.

La frequenza è vivamente consigliata. Per i non frequentanti (causa di forza maggiore) i testi consigliati sono i numeri 1 (o 14), 4, 7.

1) Castiglioni G.B., Geomorfologia, UTET, 1999

2) Panizza M. Geomorfologia, Pitagora 1995

3)Ciccacci S. Le forme del rilievo: atlante illustrato di geomorfologia, Mondatori 2010.

4) Bartolini C. , I fattori geologici delle forme del rilievo, Pitagora  1992.

5) Dramis F., Bisci C., Cartografia geomorfologica, Pitagora 1998

5 bis) D’Orefice M., Graciotti R., Rilevamento geomorfologico e cartografia. Realizzazione,

lettura, interpretazione. Flaccovio 2015

6) Ciabatti M., Elementi di Idrologia, Patron 1977

7)Sauro U. et al.,  Dalla carta topografica al paesaggio. ZetaBeta 2005.

8) Marinelli O., Atlante dei tipi geografici, IGM.I. (ristampa 2002).

9) Pranzini E., La forma delle coste. Zanichelli 2004.

10) Carraro F., Geologia del Quaternario, Flaccovio, 2012

11) Dainelli N., Fotointerpretazione: l'osservazione della Terra. Flaccovio, 2011

12) Rivard L., Integration of satellite and photo Geomorphology for preliminary Terrain Evaluation: visual interpretation techniques. Springer , Berlin , 2011.

Testi in lingua straniera:

Foreign textbooks:

 13) Coque R., Géomorphologie, Colin Editeur, 2000.

14) Summerfield M.,  Global Geomorphology, Longmann 1991.

15) Campy M., Macaire J.-J., Geologie de la surface, Dunod 2003.

16) Gutierrez E. M., Geomorfologia, Pearson-Prentice Hall, Madrid 2008 (edizione spagnola).

17)  Dewolf Y., Bourrié G. , Les formations superficielles, Ellipses, Paris 2008.

18) Anderson R.S., Anderson S.P., Geomorphology : the mechanics and chemistry of

        landscapes, Cambridge Univ. Press, 2010, 654 pp. (trattazione  di taglio più

         matematico).

19) Jay Melosh  H., 2011, Planetary surface processes, Cambridge University Press

20) Smith  M. J., Paron P., Griffith J. S, 2011,  Geomorphological mapping, Elsevier, Oxford.

21) Fort M., Betard F., Arnaud-Fassetta G., Geomorphologie dynamique et environnement,A. Colin Ed. 2015

Eventualmente anche:

21) Casati P., Pace F., Scienze della Terra , vol 2° Città Studi 1996 (solo argomenti trattati a lezione); (only topics dealt with at lesson)

22) Perego S., Appunti di Cartografia ad uso degli studenti di Scienze geologiche e

         Naturali ecc., Santa Croce , Parma 1997 (solo per gli studenti di corsi diversi da

         Scienze Naturali).  (Only for students coming from courses other than Natural Sciences)

 

Metodi didattici

Lezioni in aula ed esercitazioni in aula. La risoluzione di letture morfologiche e la corretta osservazione di dettagli del paesaggio e stratigrafici relativi è guidata dal docente in ogni momento del corso.

Modalità di verifica dell'apprendimento

L'esame finale è orale ma con un taglio di tipo pratico. Lo studente dovrà infatti produrre alla prova l'interpretazione geomorfologica (esplicitata graficamente) della carta topografica personale previamente scelta  (da lista definita dal docente o, a scelta concordata dal candidato) ed elaborata sia in sede di esercitazioni sia autonomamente. La discussione dell'elaborato grafico darà modo di approfondire gli argomenti toccati dal corso. La valutazione complessiva  conseguirà dall'insieme delle argomentazioni orali,considerando la carta e la sua discussione con valore pari al 70% del totale ed ulteriori quesiti integrativi per il 30%.

Strumenti a supporto della didattica

Lavagna luminosa, proiettore dia, campioni fisici di rocce e suoli, cartografia, stereocoppie fotografiche,  presentationi PPT.

.

Link ad altre eventuali informazioni

http://www.unibo.it/SitoWebDocente/default.htm?upn=stefano.cremonini%40unibo.it&TabControl1=TabLinkhttp://corsi.unibo.it/Laurea/ScienzeNatur

Orario di ricevimento

Consulta il sito web di Stefano Cremonini