67098 - GEOLOGIA DEL QUATERNARIO

Scheda insegnamento

  • Docente Veronica Rossi

  • Crediti formativi 6

  • SSD GEO/02

  • Modalità di erogazione In presenza (Convenzionale)

  • Lingua di insegnamento Italiano

Anno Accademico 2017/2018

Conoscenze e abilità da conseguire

Al termine del corso, lo studente apprende i concetti ed i fondamenti di: suddivisione del Quaternario; tecniche di datazione di depositi quaternari; evoluzione climatica e variazioni del livello del mare; ambienti sedimentari alla transizione glaciale/interglaciale; ciclicità milankoviana e sub-milankoviana; architettura deposizionale di successioni quaternarie. Lo studente è in grado di: sviluppare un approccio multidisciplinare allo studio dei depositi quaternari, sia in affioramento che in sottosuolo. In particolare lo studente è in grado di definire il controllo delle variazioni climatiche ed eustatiche sulla sedimentazione ed impiegare dati paleontologici, geotecnici e geochimici nella caratterizzazione di depositi quaternari, anche con esercitazioni di terreno.

Programma/Contenuti

Suddivisione stratigrafica del Quaternario; metodi di datazione applicabili a depositi quaternari; stratigrafia isotopica e variabilità climatica e del livello del mare durante il Quaternario; cicli climatico-eustatici di Milankovitch (glaciale versus interglaciale) e cicli sub-milankoviani; variabilità climatica e del livello del mare durante l'attuale interglaciale (proxy data e stato dell'arte); richiami su ambienti deposizionali e facies; architettura deposizionale di successioni quaternarie e relazione con le variazioni climatico-eustatiche milankoviane e ad alta frequenza (sub-milankoviane); fattori di controllo (allociclici versus autociclici) sull'architettura deposizionale; il concetto di Antropocene e le successioni medio-tardo oloceniche come archivi deposizionali dell'impatto antropico; cartografia geologica del Quaternario.

Testi/Bibliografia

Dispense ed articoli messi a disposizione dal docente durante le lezioni.

Metodi didattici

Lezioni frontali ed esercitazioni sul terreno.

Modalità di verifica dell'apprendimento

Esame scritto e colloquio orale. L'esame scritto, in caso di valutazione sufficiente, sarà considerato valido per un anno. L’esame scritto (tempo a disposizione 2 ore) è strutturato in domande aperte riguardanti i temi riportati nel programma ed esercizi riguardanti l’analisi di facies e l’interpretazione stratigrafico-sequenziale di sezioni stratigrafiche. Durante il colloquio sarà richiesto un breve commento agli esercizi fatti durante l’esame scritto e saranno fatte 1-2 domande teoriche sui temi riportati nel programma. Il voto finale deriverà per il 70% dalla valutazione della prova scritta e per il 30% dalla valutazione del colloquio.

Strumenti a supporto della didattica

Proiettore LCD.





Orario di ricevimento

Consulta il sito web di Veronica Rossi