70547 - LABORATORIO DI FISICA DELL'ATMOSFERA

Scheda insegnamento

  • Docente Federico Porcù

  • Crediti formativi 6

  • SSD FIS/06

  • Modalità di erogazione In presenza (Convenzionale)

  • Lingua di insegnamento Italiano

Anno Accademico 2017/2018

Conoscenze e abilità da conseguire

Al termine del corso, lo studente conosce approfonditamente le tecniche sperimentali utilizzate per: - la misura 'in-situ' delle principali variabili meteorologiche; - la misura remota, principalmente di tipo spettroscopico, per la determinazione della composizione atmosferica su scala globale. Lo studente conosce inoltre i principi fisici, i vantaggi e i limiti di ciascuna tecnica, pertanto, ove più tecniche possano essere impiegate per la misura di uno stesso parametro atmosferico, lo studente possiede la capacità critica necessaria per selezionare il metodo di indagine più idoneo in base alla situazione sperimentale contingente. Per la riduzione delle misure remote indirette, lo studente conosce le tecniche di inversione maggiormente utilizzate in campo atmosferico. Lo studente è in grado di progettare semplici campagne di misura, in laboratorio o sul campo.

Programma/Contenuti

Misura di variabili meteorologiche al suolo (pressione, temperatura, umidità, radiazione solare, intensità della precipitazioni, direzione ed intensità del vento)

Principio di funzionamento, risposta statica e dinamica e metodi di calibrazione dei vari sensori; loro corretta esposizione secondo gli standard suggeriti dal WMO.

Caratterizzazione dello stato termodinamico dell'atmosfera su diverse scale spazio-temporali.

Tecniche di validazione e di analisi dei dati sperimentali.

Anemometro sonico e disdrometro

Esperienze di laboratorio proposte:

1.analisi e validazione dei dati di vento,

2.misure di umidità relativa in laboratorio,

3.analisi e validazione di dati da stazione meteorologica (T, p, f…),

4.calibrazione di un pluviometro,

5.analisi di un dataset tridimensionale di vento,

6.analisi di un dataset disdrometrico.

Testi/Bibliografia

Appunti del corso resi disponibili dal docente.

Capitoli selezionati da "WMO GUIDE TO METEOROLOGICAL INSTRUMENTS AND METHODS OF OBSERVATION", WMO - No 8 (2008).

Capitoli selezionati da : R.Sozzi, T.Georgiadis, M.Valentini “Introduzione alla turbolenza atmosferica: concetti, stime, misure”, Pitagora editrice Bologna, pp.523, 2002.

Metodi didattici

Lezioni frontali in aula ed esercitazioni in laboratorio

Modalità di verifica dell'apprendimento

Durante il corso gli studenti si organizzano in gruppi di due persone per lo svolgimento delle esperienze di laboratorio. Ogni gruppo deve redigere una relazione per ciascuna esperienza svolta. Le relazioni devono essere consegnate al docente entro una settimana dal termine delle lezioni del corso.

Le relazioni vengono valutate e il voto medio delle relazioni contribuisce per il 50% al voto finale dell'esame. E' quindi importante per lo studente acquisire anche capacita' di interazione e di collaborazione con gli altri componenti del gruppo.

Per il rimanente 50% il voto finale dell'esame si basa su una prova orale (durata approssimativa 30 min.) riguardante gli argomenti trattati a lezione.

Strumenti a supporto della didattica

Video-proiettore, PC con ambiente Linux, psicrometri di vario tipo, stazioni meteo DAVIS installate presso il Dipartimento di Fisica e Astronomia. Misure atmosferiche remote acquisite mediante stumenti allo stato dell'arte, normalmente utilizzati per attività di ricerca.

Orario di ricevimento

Consulta il sito web di Federico Porcù