54835 - LABORATORIO DI BIODIVERSITA' VEGETALE

Scheda insegnamento

Anno Accademico 2017/2018

Conoscenze e abilità da conseguire

Al termine del corso, lo studente acquisisce esperienze di rilevamento qualitativo e quantitativo della diversità biologica. In particolare, lo studente è in grado di organizzare protocolli di rilevamento finalizzati alle stime dei principali parametri descrittivi della struttura e dinamica di popolazioni, interpretandone il significato ecologico, corologico e storico. Lo studente possiede inoltre conoscenze avanzate sulle principali tecniche di laboratorio relative all'estrazione ed amplificazione di DNA nucleare, mitocondriale e plastidiale. In particolare, lo studente è in grado di affrontare indagini sistematiche e filogenetiche negli organismi vegetali tramite l'approccio molecolare.

Programma/Contenuti

Il genoma nucleare. Struttura del cpDNA. Evoluzione del mtDNA. Paradosso del valore C. DNA ripetitivo. Sistematica e filogenesi molecolare. Marcatori neutrali nel monitoraggio della variabilità genetica. PCR pilotata da primer semiarbitrari. Separazione degli ampliconi mediante elettroforesi. Elaborazione dei dati molecolari. Analisi multivariate. Tecniche di ordinamento e di classificazione.

Valutazione della diversità biologica in campo: monitoraggio, campionamento, elaborazione dei dati. Utilizzo delle chiavi analitiche per la determinazione sistematica di taxa biologici.

Viaggio di istruzione in ambienti che rappresentano hotspot di biodiversità.

Testi/Bibliografia


Weising et al. "DNA fingerprinting in plants" CRC Press 2005

Distribuzione on-line del materiale didattico, reperibile in AMS Campus - AlmaDL - UniBo

Metodi didattici

Lezioni frontali.

Attività in laboratorio sperimentale biologico.

Raccolta dati in campo ed esercitazioni pratiche.


Modalità di verifica dell'apprendimento

L'esame di fine corso mira a valutare il raggiungimento degli obiettivi didattici, riguardanti i seguenti argomenti: definizioni convenzionali della Biodiversità; principali approcci all'analisi della biodiversità; fattori che contribuiscono alla diversità intraspecifica; tecniche di rilevamento della diversità vegetale sul campo; indici di biodiversità e strumenti informatici comunemente impiegati per l'elaborazione dei dati raccolti sul campo; caratteristiche dei tre genomi presenti nella cellula vegetale; differenze fra DNA funzionale e DNA extragenico; impiego di marcatori molecolari neutrali nel monitoraggio della variabilità genetica; tecniche di sistematica molecolare basate su estrazione e amplificazione del DNA, visualizzazione ed analisi dei prodotti della PCR; elaborazione dei dati molecolari mediante i più comuni metodi statistici di analisi multivariata (PCA, PCO, Cluster analysis). Conoscenza di habitat che rappresentano hotspot di Biodiversità.
La prova d'esame, valutata in trentesimi, consiste di uno scritto articolato in tre quesiti riguardanti l'attività sul campo, l'esperienza in laboratorio e il viaggio di istruzione, seguito da un colloquio sugli argomenti svolti nel compito.


Strumenti a supporto della didattica

Videoproiezioni Power-Point

Attrezzatura per esercitazioni in laboratorio e in campo

Orario di ricevimento

Consulta il sito web di Lucia Conte

Consulta il sito web di Marta Galloni